Live Sicilia

basket - serie a

Orlandina, ecco il colpaccio
Ingaggiato l'ex Bucks Inglis


Articolo letto 517 volte

Il lungo francese è il colpo promesso da Sindoni per il reparto lunghi. Reduce da due ottime stagioni in D-League.

VOTA
0/5
0 voti

CAPO D'ORLANDO (MESSINA) - Un grande colpo era stato promesso ai tifosi a cavallo tra la settimana appena conclusa e quella appena cominciata, e un grande colpo è puntualmente arrivato. Sempre seguendo la dinamica tanto cara al general manager Giuseppe Sindoni, che lavorando in silenzio e schivando diverse mine relative soprattutto ai continui rumors mediatici, ha messo a segno un acquisto importante per le sorti della sua Betaland Capo d'Orlando in vista della prossima stagione. È infatti ufficiale da pochi minuti l'arrivo in terra paladina di Damien Inglis, ala grande di nazionalità francese e che a dispetto dei 22 anni che si porta in dote ha già sulle spalle una discreta esperienza, sia nel campionato transalpino che a livello internazionale. Il giocatore che serviva all'Orlandina Basket per rendere ancor più forte e di caratura internazionale il proprio roster, anche perchè l'arrivo di Inglis vale doppio in quanto è giocatore comunitario ma non per questo i vertici del club siciliano si sono risparmiati nella ricerca e nell'ingaggio di un giocatore di grande spessore, che sicuramente porterà grandi benefici alla squadra.

Damien Inglis, giocatore di 203 centimetri e dal peso di 109 chilogrammi che lo rende difficilmente marcabile sotto le plance, ha iniziato la propria carriera ad appena quindici anni, quando il Centre Fédéral de Basket-ball, formazione militante nella terza serie transalpina, gli offre un posto in squadra. Nella prima stagione militerà soprattutto nella formazione giovanile ma entro la fine dell'annata troverà comunque spazio per giocare un paio di partite tra i 'pro'. Poi, nella seconda stagione, Inglis inizia a far parte in pianta stabile della prima squadra prima di trovare la definitiva esplosione nel campionato successivo, il terzo per lui tra le fila del Centre Fédéral de Basket-ball nonchè il primo giocato da maggiorenne. Inizia a giocare anche in alcune competizioni internazionali, dove si misura con alcuni tra i miglior giovani cestisti europei, tanto da meritare la chiamata dello Chorale Roanne, formazione della massima serie francese. Il suo primo anno in una lega professionista vera e propria è positivo per Inglis, il quale ammette di sentirsi pronto per fare il grande salto nel basket ai livelli più alti, ovvero nella NBA.

E così, nell'estate del 2014 Inglis si rende eleggibile per il Draft, che lo vedrà scelto al secondo giro con il numero 31 dai Milwaukee Bucks, squadra che di recente è sempre stata molto attenta all'ingaggio di giovani talenti. Un infortunio al piede non gli consentirà di prendere parte alla Summer League, vetrina estiva per i giovani giocatori e per quelli scelti proprio alla 'lotteria'. Una cattiva gestione da parte dello staff medico dei Bucks, però, non gli consentirà di scendere in campo per tutta la sua prima stagione dall'altra parte dell'Oceano, visto che diviene necessario addirittura un intervento chirurgico alla caviglia. Nell'estate del 2015 Inglis riesce a prendere parte alla Summer League e convince i Bucks a tenerlo con sè. La sua prima partita in NBA la gioca il 28 ottobre contro i New York Knicks. A fine stagione, dopo un breve passaggio nella formazione di D-League di Milwaukee (i Canton Charge), Inglis decide di cambiare casacca e di passare proprio ai New York Knicks. La franchigia della Grande Mela lo spedisce subito ai Westchester Knicks, formazione affiliata: 10 punti, 5 rimbalzi e quasi 2 assist in oltre 21 minuti di media per lui Poi, dopo aver provato a farsi ingaggiare dai New Orleans Pelicans, il ritorno ai Westchester Knicks: 12.8 punti, 6.8 rimbalzi e anche 3.5 per lui.

E per annunciare un colpo così importante, sia per il prestigio del giocatore che è stato appena ingaggiato che per l'importanza del suddetto giocatore all'interno del contesto Orlandina Basket, ha preso la parola Giuseppe Sindoni. Il general manager della Betaland aveva promesso, nelle scorse ore, l'arrivo di un grande colpo di mercato e ha mantenuto la suddetta promessa. Così, al momento di rilasciare le prime dichiarazioni successive alla firma di Inglis, non può non manifestare una certa soddisfazione per aver raggiunto l'accordo con un elemento di grande esperienza, di qualità e affidamento anche sul piano fisico: "Siamo felicissimi della possibilità di accogliere un giocatore come Damien Inglis, un ragazzo di grande talento e comprensione del gioco che ci permetterà di innalzare notevolmente il tasso tecnico e qualitativo del nostro roster. Damien è un giocatore molto giovane ma che ha già fatto esperienze molto importanti con le nazionali francesi, la D-League e la NBA: crediamo che abbia tutte le carte in regola per poter essere un giocatore di grande impatto nel campionato di Serie A".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php