Live Sicilia

calcio - palermo

La provocazione di Zampa:
"Il 98% del tifo mi vuol bene"


Articolo letto 8.522 volte

Il patron sulla contestazione: "Solo alcuni ragazzi dei centri sociali. Closing? In molti chiederanno scusa"


PALERMO - La protesta? E chi se ne frega. Questa, in sintesi, la posizione di Maurizio Zamparini nei confronti della contestazione del cuore caldo del tifo rosanero avvenuta ieri. Così il patron del Palermo: "Me ne farò una ragione – spiega il friulano a Repubblica –. Io ormai sono via e sto lasciando la società. Mi dispiace solo che passerò il messaggio che Palermo è contro di me. Ma questi sono solo pochi ragazzi dei centri sociali”.

Analogie con l'esperienza veneziana e una certezza granitica per Zamparini: la stragrande maggioranza dei palermitani è con lui. “A Venezia c’erano i ragazzi di Luca Casarini che mi urlavano meglio in C che in A con Zamparini - spiega -. E a me non interessa il loro pensiero perché non faccio politica. Il 98% dei palermitani mi vuole bene per tutto quello che ho fatto”.

Infine, una battuta sul closing: “Vorrei dire che i tifosi sono più informati di noi. Baccaglini non è un mio dipendente - afferma Zamparini - e non è vero che gli pago lo stipendio. L’ho conosciuto sei mesi fa quando me l’ha presentato Frank Cascio: a giochi fatti, quando chi contesta vedrà le carte, e soprattutto si accorgerà di chi c’è dietro questa operazione, saranno in molti quelli che dovranno chiedere scusa".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php