Live Sicilia

calcio - serie a

Zampa: "La B è colpa mia
Seguirò Palermo da tifoso"


Articolo letto 8.983 volte

Il patron fa chiarezza sulla cifra per il closing: dovrebbe essere di poco inferiore agli 80 milioni.


PALERMO - E' il momento di tracciare un bilancio e di lasciare. Ma è anche il momento di fare delle puntualizzazioni. Maurizio Zamparini torna a parlare e fa chiarezza sul closing e su una stagione che si è conclusa nel peggiore dei modi: "Il comunicato è condiviso per tempi e forma: siamo stati tutto il fine settimana in riunione per definire i dettagli. La due diligence ormai è finita. Mi fa male leggere che gli consigliano di allontanarmi. Come se fossi l’ultimo degli appestati. Chi lo dice non conosce la realtà. Il Palermo ha un bilancio buono e si può fare una squadra competitiva per tornare in A - spiega il patron uscente a La Repubblica -. Baccaglini terrà Nestorovski, Rispoli e chi sarà ritenuto utile alla risalita. Il Palermo si troverà un budget per la B da 25-30 milioni di euro e sarà la corazzata della B".

Spazio anche al mea culpa: "È stata una stagione completamente sbagliata, anche per le mie scelte. Sbagliare allenatore per un club che si deve salvare è un errore fondamentale. Ho sbagliato, ma non è che i miei allenatori avessero a disposizione fenomeni. Calciatori bravi e non da penultimo posto: lo dimostrano i risultati con Fiorentina e Chievo. Anche se il Palermo di Verona non mi è piaciuto. Ho mandato un sms a Bortoluzzi per dirgli che la squadra ha giocato malissimo. Il mio è un ciclo e come tale comincia e finisce. Quello che ho fatto è lì. Ho cercato imprenditori interessati all’acquisto in Sicilia, ma li ho trovati all’estero. Mi fa male che il Verona sia retrocesso senza polemiche, mentre il Palermo va in B con questo clima. Come se prima di me il club avesse vinto dieci scudetti. Pochi non vedono che il mio è stato il Palermo più vincente. Chi odia è ovunque. Quando ero a Venezia c’era un gruppo di contestatori guidato da Luca Casarini che diceva 'meglio in C senza Zamparini che in A con lui'. Adesso scopro che si è trasferito a Palermo e le cose che mi dicono sono le stesse. Con me porterò il ricordo della gente che mi ha voluto bene. Tornerò a Palermo, ma seguirò la squadra solo da tifoso".

Zamparini, poi, difende il gruppo di consulenti e consiglieri che lo hanno circondato negli ultimi anni: "Gli errori sono stati solo miei e di nessun altro. Le storie degli slavi, di Di Marzio, di consulenti occulti che decidevano per me sono inventate. Ascolto molto, ma alla fine quello che ha deciso nel bene e nel male sono stato sempre io. Ho consigliato a Baccaglini di crearsi uno staff tecnico di persone importanti, deve trovare il Guidolin della situazione. Il Palermo tornerà in A già l’anno prossimo. Sarebbe un fallimento se non lo facesse. Un fallimento sportivo e non economico. Abbiamo messo i conti in ordine. Mi ha scritto l’agenzia delle entrate: mi è arrivato lo sgravio delle cifre che chiedevano con tanto di scuse. Ma non finisce qui. Per colpa loro è arrivato il pignoramento da Unicredit. Chiederò 20 milioni di euro per danni".

Infine, sul prezzo della cessione del club, Zamparini spiega: "Stiamo definendo il prezzo esatto. Non è importante quanto mi daranno, ma quanto investiranno. Al momento del closing si saprà tutto, perché la cifra sarà scritta sui bilanci. Ho investito nel corso degli anni più di una ottantina di milioni di euro. Al momento della cessione la cifra potrebbe essere forse un po’ più bassa, ma si ragiona sempre lì attorno perché altrimenti nel computo totale ci rimetterei troppo".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php