Live Sicilia

CALCIO - SERIE A

Palermo, un'altra figuraccia
La Lazio ne fa sei ai rosanero


Articolo letto 14.920 volte

All'Olimpico un nuovo, l'ennesimo disastro. La doppietta di Rispoli non basta a salvare la faccia.


PALERMO - Perdere può starci, ma così fa davvero male. Come se già una retrocessione già scritta, che si manifesterà ormai con tutta probabilità fra sette giorni e ben cinque giornate d’anticipo contro la Fiorentina in un 'Barbera' plausibilmente deserto, non fosse già abbastanza umiliante per una tifoseria, costretta a vivere una delle peggiori stagioni in serie A, ci si mette anche l’ennesima figuraccia vissuta sul campo da una squadra che ormai non ha nemmeno più un'anima. All’Olimpico contro la Lazio la gara finisce addirittura dopo mezz’ora, con ben cinque gol già subiti, e una prestazione inesistente da parte degli uomini di Bortoluzzi che, dopo aver preso in mano la squadra da un paio di settimane, può solo dichiarare d'aver preso in mano una barca che già stava affondando da diversi mesi.

Il punteggio tennistico finale di 6-2  (la doppietta casuale ad inizio ripresa di Rispoli serve solo per aggiornare le statistiche) inquadra perfettamente la situazione della formazione rosanero che senza un gioco ed alcuna identità saluta nel modo più triste possibile la massima serie. Senza mostrare la minima reazione e dichiarando di credere alla salvezza solo prima di scendere sul rettangolo di gioco allora da qui al termine del campionato il contro potrebbe farsi davvero salato per i siciliani. La lotta salvezza diventa un discorso, se già non lo era da diversi mesi, ristretto solo ad Empoli e Crotone che intanto continuano ad onorare il loro campionato fino in fondo. Adesso resta da portare a termine queste ultime cinque gare che il calendario offre, pensando si già alla prossima serie B, ma tentando con tutte le forze di non perderle tutte con punteggi tennistici.

AVVIO SHOCK Dopo appena 7’ i rosanero sono già sotto nel risultato con lo show di Ciro Immobile che si apre con un colpo di testa dell’attaccante da corner sulla deviazione di De Vrji. L’attaccante poi si rende protagonista poco dopo su assist di Milinkovic Savic aprendo il piattone destro da dentro l’area di rigore supera ancora Posavec. Gli uomini di Bortoluzzi completamente in bambola perdono tutti i contrasti in ogni zona del campo innescando poi l’altro attaccante biancoceleste che in meno di dieci minuti porterà il punteggio sul 5-0.

KEITA LA CHIUDE Sale in cattedra dunque il senegalese Keita che entra come una lama nel burro fuso della difesa rosanero in occasione del suo primo gol quando supera tre difensori e poi liberarsi alla conclusione di destro. Poco dopo sempre Keita si guadagna il penalty per un fallo sciocco di Morganella e si presenta sul dischetto superando per la seconda volta nel giro di un paio di minuti Posavec. Il senegalese completa l’opera prima della mezz’ora uccellando l’estremo difensore croato con un tocco sotto che bacia il palo e si spegne per la quinta volta in rete. I primi 45’ si chiudono con il pokerissimo dei padroni di casa che dominano un Palermo inesistente.

RISPOLI NEL DESERTO Ad inizio ripresa i rosa hanno un sussulto grazie al proprio capitano Andrea Rispoli. Il terzino si ritrova un tiro di Jajalo sporcato dalla difesa laziale e batte Strakosha con freddezza per il gol della bandiera. Il numero 3 rosanero si ritrova fortunato protagonista qualche minuto dopo in un errore commesso da Hoedt che serve malamente Strakosha con il terzino che s’inserisce di gran carriera e supera ancora l’estremo difensore laziale rendendo meno amaro il passivo finale. La Lazio infatti poi non attacca più ma nemmeno corre più rischi iniziando un giro palla che anestetizza il match con il giovane Crecco che firma il sesto gol biancoceleste ed il suo primo in serie A. Al Palermo, che cercava almeno una buona prestazione, resta ormai poco e potrà dire addio a questa serie A.

IL TABELLINO

MARCATORI: Immobile 7', 9', Keita 20', 24', 26', Rispoli 46', 51', Crecco 90'.

LAZIO: 1 Strakosha; 13 Wallace, 3 De Vrij, 2 Hoedt; 10 F. Anderson, 16 Parolo (Lukaku 46'), 20 Biglia (cap.), 21 Milinkovic-Savic (Crecco 70'), 19 Lulic; 17 Immobile, 14 Keita (Lombardi 80'). A disp: 31 Adamonis, 55 Vargic, 4 Patric, 8 Basta, 9 Djordjevic, 15 Bastos, 18 L. Alberto, 37 Cardoselli, 80 Javorcic. All: Simone Inzaghi.

PALERMO: 1 Posavec; 44 Sunjic, 12 Gonzalez, 6 Goldaniga; 3 Rispoli (cap.), 14 Gazzi, 28 Jajalo (Chochev 65'), 89 Morganella; 98 Lo Faso (Trajkovski 74'), 20 Sallai; 30 Nestorovski. A disp: 55 Marson, 68 Fulignati, 2 Vitiello, 4 Andelkovic, 15 Cionek, 18 Chochev, 22 Balogh, 23 Diamanti, 25 B. Henrique, 61 Ruggiero, 97 Pezzella. All: Diego Bortoluzzi.

ARBITRO: Michael Fabbri (Ravenna).

NOTE - Ammoniti: Milinkovic Savic 58', Gazzi 62'.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php