Live Sicilia

basket -serie a

Orlandina, c'è Sassari a Pasqua
Da evitare il poker di sconfitte


Articolo letto 723 volte

La Betaland arriva in Sardegna con tre ko di fila e l'assenza di Archie, ma Di Carlo non cerca alibi.

VOTA
0/5
0 voti

CAPO D'ORLANDO (MESSINA) - Presentarsi alle soglie della Pasqua con una posizione di classifica poco pronosticabile alla vigilia del campionato, ma sempre con l'attenzione molto alta. La Betaland Capo d'Orlando salta da un'isola all'altra, andando a fare visita al Banco di Sardegna Sassari per un impegno di campionato che sulla carta è già complicato, vista la forza della compagine sarda, ma che l'infermeria ha reso ancor più ostico. Proprio così, perchè nella settimana che ha seguito la sconfitta sul parquet di Pistoia - la terza consecutiva dopo le cadute contro Varese e Reggio Emilia - è stato reso noto lo stop di circa un mese per Dominique Archie, il quale si è sottoposto ad un intervento chirurgico per una lesione del ginocchio. Un ulteriore problema per coach Gennaro Di Carlo, il quale vede accorciare ulteriormente le rotazioni dei lunghi che però potrebbero vedere Sandro Nicevic con qualche minuto in più delle gambe. C'è da opporsi a una squadra molto calda in questa fase della stagione, tanto da attentare alle posizioni immediatamente alle spalle della dominante Olimpia Milano.

Il coach della Betaland fa capire che ci vorrà ovviamente la miglior versione possibile della propria squadra per arginare un team dall'ottimo momento di forma e di risultati, qual è la Dinamo di coach Pasquini: "Sassari arriva da tre vittorie consecutive, quindi è in grande fiducia e cercherà di utilizzare queste le ultime giornate di campionato per chiudere la stagione regolare tra le prime quattro in classifica. Noi invece approcciamo a questo incontro in modo diametralmente opposto. Veniamo da tre sconfitte consecutive e abbiamo intenzione di invertire questo trend. Sfrutteremo tutte le nostre risorse caratteriali per giocare una partita consistente e provare a risolvere con grandissimo spirito di sacrificio una partita per noi veramente complicata".

La situazione dell'infermeria che si riempie nuovamente con Archie non è delle migliori, ma Di Carlo non vuole prendersi scuse e cerca di concentrarsi al meglio per evitare che il numero di sconfitte in fila salga a quota quattro: "Non ci sarà Dominique Archie, ma abbiamo l’obbligo di fare in modo che la sua assenza nonostante il valore del giocatore. Di solito non parlo delle assenze, che comunque rappresentano un elemento con cui conviviamo dall’inizio del campionato. Non mi piace cercare degli alibi e mettere così le mani avanti. Noi vogliamo crescere anche sotto questo punto di vista, ci muoviamo per ottenere il meglio possibile ovunque. Dobbiamo focalizzare l’attenzione sulle nostre risorse tecniche e tattiche da mettere in campo sabato per fare una partita alla pari e fare di tutto per vincere".

Di Carlo chiude con un pensiero relativo al momento generale della squadra, che a prescindere dalle tre sconfitte non è dei migliori. Alcuni elementi sono in evidente calo atletico e di conseguenza di affidabilità sui due lati del campo, ma il coach confida nel fatto che a questo momento di calo ne faccia seguito un altro di pieno recupero: "Penso possa capitare a qualsiasi giocatore di attraversare un periodo in cui non riesci ad esprimere la tua migliore prestazione. È una cosa che appartiene a tutti giocatori, in tutti i campionati ed a tutti i livelli. Sicuramente in questo momento abbiamo qualche giocatore che non ha mostrato la migliore prestazione possibile, ma questo per me non è un dato attendibile e soprattutto non è indicativo per me. Io vedo i ragazzi allenarsi ogni giorno e lì vedo grande voglia di rivalsa, grande voglia di rimanere al livello in cui siamo. Guardiamo avanti con grande fiducia iniziando da sabato a Sassari, alimentando la nostra fiducia cercando di fare il possibile per espugnare il PalaSerradimigni".⁠⁠⁠⁠

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php