Live Sicilia

calcio - lega pro

Sottil: “Crediamo nei nostri mezzi”
Cutrufo: “Ora avanti senza limiti”


Articolo letto 881 volte

La vittoria del Siracusa sul Fondi dà nuove certezze agli aretusei che adesso puntano ai playoff.

VOTA
0/5
0 voti

SIRACUSA – Il Siracusa supera a pieni voti l’esame Fondi e rimane saldo alla sesta posizione in classifica. L’incornata vincente di Scardina nel finale risolve una partita complicata per gli aretusei, che hanno dovuto fare i conti contro una squadra arcigna e ben organizzata come quella laziale, che ha operato grande pressione, ma che non è riuscita ad impensierire più di tanto il portiere azzurro Santurro. Va sottolineato, però, come l’estremo difensore dei leoni in avvio abbia letteralmente salvato i suoi da una doccia fredda, murando una conclusione ravvicinata di Tiscione con uno strepitoso intervento. “Oggi è stata una delle partite più difficili dell’ultimo periodo – ha detto il portiere aretuseo –. Loro sono un’ottima squadra e sono stati anche in grado di metterci in difficoltà non facendoci esprimere il nostro gioco, nella ripresa però noi siamo stati bravi a fare correttivi e a portare a casa tre punti importantissimi. Quarta vittoria consecutiva? Non ci vogliamo fermare, abbiamo fame e cattiveria agonistica. Guardiamo partita per partita, gli obiettivi li guarderemo dopo. Il pubblico del De Simone? Ci dà una spinta decisiva e i risultati lo dimostrano, speriamo siano sempre più numerosi. Le parate? Faccio solo il mio dovere”.

Serviva una vittoria per dare continuità e per capire se il Siracusa potesse avere dalla sua i numeri per poter sperare in un posto ai playoff ed il successo è puntualmente arrivato: adesso, con la spensieratezza di una salvezza già di fatto acquisita, la formazione di Sottil potrà giocarsela a viso aperto contro tutti. “È una vittoria meritata che ci permette d restare al sesto posto: adesso bisogna spingere in queste ultime nove partite – ha dichiarato il tecnico dei leoni –. Nel primo tempo abbiamo avuto qualche difficoltà, mentre nella ripresa abbiamo dato una grande risposta soprattutto fisicamente. Questa squadra ha ormai raggiunto maturità e sicurezza nei propri mezzi, questa è la mentalità vincente che si costruisce nel tempo e oggi abbiamo dimostrato di averla”.

Pienamente soddisfatto della prova dei suoi, dunque, Andrea Sottil, oggi osannato dalla piazza aretusea. Eppure dopo cinque giornate dall’inizio del campionato il Siracusa si ritrovava con soli due punti in tasca e lo stesso allenatore piemontese piuttosto in bilico. Una situazione che costrinse il patron Gaetano Cutrufo decise di parlare alla stampa, convocando una conferenza per rassicurare l’ambiente e per rinnovare la fiducia al mister: era il 20 settembre del 2016. “Sottil non si tocca” e “il Siracusa si salverà”, disse ai giornalisti presenti il presidente della società azzurra. Parole che oggi, a salvezza praticamente acquisita probabilmente strapperanno un sorriso a qualcuno nella città di Archimede. “Quando ho pronunciato quelle parole impegnative – ha detto – ero stra-convinto che sarebbe andata così – ha detto il patron del Siracusa –. Avevamo bisogno di tempo e soprattutto non dovevamo farci prendere dal panico. Non so in quanti all’epoca mi hanno creduto, ma sono felice che le cose siano andate come avevo previsto. Adesso godiamoci questo finale di campionato, senza limiti. Ho apprezzato la presenza di qualche sostenitore in più nella gara contro il Fondi, ma Siracusa può fare ancora di più”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php