Live Sicilia

calcio - serie d

Per il Siracusa ora quattro finali
Scordia, il baratro è a un passo


Articolo letto 15.155 volte

Approfondimento sulle siciliane che militano nel massimo campionato dilettantistico.

VOTA
0/5
0 voti

PALERMO - Ripresa degli allenamenti per le formazioni siciliane impegnato in questo appassionante rush finale di stagione. Il Siracusa dopo aver raggiunto la vetta solitaria della classifica prepara adesso la sfida interna nel derby con la Leonfortese, squadra in costante difficoltà nell’ultimo mese e mezzo. Marsala e Noto, in piena lotta salvezza ed entrambe con un turno di riposo ancora da scontare, dovranno cercare di ottenere almeno una vittoria nelle loro ultime 3 partite, ma la 35ª giornata vede i lilibetani fare gli onori di casa con la Cavese ed i granata in trasferta ad Agropoli. Infine il prossimo turno vedrà di fronte Scordia e Due Torri, formazioni che vivono momenti profondamente diversi, con i rossoazzurri che hanno forse già abbandonato ogni speranza di salvezza ed i biancorossi, già salvi, che con una vittoria invece sarebbero in corsa per i playoff.

Siracusa all’ultimo derby della stagione - Il Siracusa di mister Sottil ha finalmente staccato Cavese e (momentaneamente) Frattese a 4 turni dalla fine del campionato. Un vantaggio di 3 punti assolutamente fondamentale sui rivali, ancora di più in virtù del fatto che le due squadre campane dovranno ancora sfidarsi nella 38ª ed ultima giornata della stagione. Ecco perché le ultime 4 partite (Leonfortese, Cavese, Vigor Lamezia e Rende) per il Siracusa rappresentano delle vere e proprie finali. Innanzitutto sarà importante quantomeno mantenere il distacco ottenendo una vittoria nell’ultimo derby dell’anno con la Leonfortese, ma Sottil non ha ancora risolto alcuni problemi legati agli infortuni: Savanarola e Vindigni, infatti, rimangono fermi ai box in attesa di un’ecografia per valutare i tempi di recupero, mentre Orefice sembra essersi ristabilito e ha così partecipato alla seduta d’allenamento coi compagni. Solo palestra, infine, per Giordano che comunque dovrà scontare un turno di squalifica e non sarà pertanto disponibile per la sfida ai biancoverdi. Testa, dunque, al derby con un ambiente e tutta la città che vola sulle ali dell’entusiasmo.

Leonfortese vicina alla salvezza, ma il passo.. è corto! - Prosegue il momento drammatico della Leonfortese. I biancoverdi continuano a non dare segnali di ripresa in un campionato a due volti: squadra da playoff nel girone di andata, da retrocessione in quello di ritorno. Due soli goal nelle ultime 10 partite, nelle quali sono maturati 6 pareggi e 4 sconfitte. Una formazione davvero irriconoscibile, quella di mister Mirto, che sta accusando oltre modo il fisiologico calo fisico. Verrebbe da dire che i leoni sarebbero ad un passo dalla salvezza già da un po’ di tempo, ma il calendario scorre ed i punti pesanti non arrivano. La prossima sfida al “De Simone” di Siracusa è senz’altro proibitiva, ma Mirto ed i suoi devono assolutamente cercare la scossa per ripartire al più presto.

Due Torri, salvezza conquistata: ora testa all’impresa playoff - Una difesa imperforabile ed un forte spirito di unione di un gruppo forgiato dalla grande esperienza di mister Venuto: sono questi i punti di forza di un Due Torri che ha già festeggiato la matematica permanenza in Serie D con quattro turni di anticipo e che può ancora dire tanto in questa straordinaria annata biancorossa. Nel prossimo turno, infatti, espugnando il “Binanti” di uno Scordia demoralizzato, la squadra di Venuto rimarrebbe in corsa per una storica qualificazione ai playoff. Il calendario particolarmente favorevole (Scordia, Palmese e Agropoli) mantiene la porta ancora aperta e lo scontro diretto dell’ultima giornata al “Vasi” contro il Reggio Calabria, che deve ancora riposare, permette ai pirainesi di sognare in grande.

Scordia, speranze playout ridotte ad un filo - Il sonoro 3-0 incassato nell’ultima trasferta con la Gelbison fa ancora tanto male. I ragazzi di mister Campanella ci credevano davvero, soprattutto dopo la bella rimonta in campionato in seguito al cambio in panchina. Eppure, dal sogno sempre più in procinto di realizzarsi, i ragazzi dello Scordia sono tornati prepotentemente con i piedi per terra, alla realtà di quel -5 in classifica che a 4 turni dal termine della stagione fa parecchio paura. Con le speranze di club e tifosi appese ormai ad un filo, serve un ulteriore miracolo ai rossoazzurri. Domenica al “Binanti” arriverà un Due Torri mentalmente libero, con la salvezza già in tasca, ma con l’ingresso ai playoff ancora in discussione. Per questo motivo non sarà facile per lo Scordia ottenere 3 punti ed approfittare dello scontro diretto tra Palmese e Gelbison.

Marsala e Noto: ultime chiamate - Squadre inchiodate a 36 punti in zona playout a sole 3 giornate dal termine: per Marsala e Noto il tempo stringe ed è il momento di gettare il cuore oltre l’ostacolo per evitare in tutti i modi gli spareggi. Le due formazioni vivono un periodo travagliato, da una parte, con la squalifica fino al termine della stagione del tecnico lilibetano Pegolizzi e, dall’altra, con le caotiche vicende societarie dei granata. Situazioni che non hanno certo aiutato i giocatori in campo e nemmeno il calendario sembra essere troppo buono con le due siciliane: il prossimo turno, infatti, i lilibetani da pronostico partono certamente svantaggiati contro la Cavese, mentre il Noto ad Agropoli potrà giocarsela ad armi pari.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php