Live Sicilia

calcio - serie b

Trapani, Cosmi fa autocritica:
"Devo calmare certi bollori"


Articolo letto 4.314 volte

Il tecnico, squalificato due giornate dopo l'espulsione col Cagliari, si concentra in vista della trasferta sul campo del Vicenza. Gara da prendere con le molle.

VOTA
0/5
0 voti

TRAPANI - Voltare pagina, dopo due giornate di squalifica e dopo quanto accaduto al termine della sfida col Cagliari, è fondamentale. Non solo per Serse Cosmi, ma per tutto il Trapani, tant’è che il mister granata preferisce mettere una pietra sopra a quanto accaduto: "Dopo i bollori del dopo partita è giusto fare un po’ di autocritica. Un allenatore come me, dopo averne vissute di tutti i colori, dovrebbe avere la capacità di mettersi in condizione di non danneggiare più. Poi lì per lì sembra tutto giustificato, ma il mio ruolo è quello di stare in campo. Io la faccio, spero la facciano anche altri. Però devo far in modo che il Trapani non scenda più in campo senza il suo allenatore. Siamo pagati anche per subire certe cose. Bisogna chiudere la bocca".

La testa è tutta alla sfida di Vicenza, una trasferta che Cosmi avrebbe preferito evitare, dato il difficile momento attraversato dai biancorossi: "Sarà una partita assolutamente difficile. Avessi potuto scegliere un avversario, il Vicenza sarebbe stato tra i due o tre che avrei preferito evitare. Hanno troppi punti in meno rispetto al loro valore, che è assolutamente superiore per squadra e allenatore". Il tecnico comunque non teme ripercussioni sul piano psicologico dopo la rimonta subita nello scorso week-end: "La fiducia in questa squadra è enorme e ce l’ho da luglio. La nostra è una famiglia di ragazzi sensibili a certe cose e hanno reagito com’è giusto che reagissero. Ora sono curioso di vedere come il dispendio di energie possa essere metabolizzato".

E Cosmi spera di vedere confermata una curiosa statistica, sottolineata dallo stesso allenatore in sala stampa: "In questi giorni ho notato che, tranne Perticone, hanno segnato tutti i nostri difensori. Penso inoltre che il Trapani sia in assoluto la squadra ad aver avuto più gol dai suoi difensori. Vuol dire che si fa bene anche sulle palle inattive”. Un momento positivo nonostante sia mancato il piede preciso di Scozzarella sui calci da fermo: “Ma da quando è arrivato Nizzetto ho avuto la consapevolezza di potergli fare interpretare quel ruolo - ha ammesso il tecnico umbro -. Io più di lui, ma mica ho avuto voglia di inventarmi qualcosa. Su Scozzarella tutti abbiamo grande fiducia e il suo ritorno è un vantaggio”. Per uno Scozzarella che rientra, prosegue il calvario in attacco tra gli infortunati: "Torregrossa procede nel recupero, De Cenco ha avuto un problema alla schiena e non è disponibile".

La trasferta in terra berica non lo vedrà fisicamente in panchina, ma sarà il coronamento di un anno intero alla guida del Trapani per Cosmi. Un anno diviso in due parti dallo stesso tecnico, in entrambi i casi però con valutazioni più che positive: "Sono stati due campionati diversi. Ho iniziato dovendo intervenire senza conoscere nulla, è stata una scoperta di un mondo che non conoscevo ed è stato meravigliosamente bello. Il risultato della passata stagione è stato di una certa caratura, così come la costruzione della squadra di quest’anno”. Un ultimo pensiero, infine, a Cavagna, costretto a saltare la sfida per una frattura al setto nasale occorsa in allenamento: “Mi dispiace, anche perché sembrava essere meno grave. Purtroppo quest’anno siamo sfortunati”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php