Live Sicilia

calcio - serie b

Trapani, Cosmi non ci sta:
“Ci hanno sottratto due punti"


Articolo letto 6.383 volte

Le parole del tecnico granata al termine del match pareggiato contro il Cagliari al "Provinciale".

VOTA
0/5
0 voti

TRAPANI - Serse Cosmi temeva di dover affrontare questo giorno, prima o poi. Una “brutta pagina”, come lo stesso allenatore del Trapani ammette in sala stampa, quella che ha visto i granata farsi raggiungere sul 2-2 dal Cagliari allo scadere: "Credo che in assoluto si sia vista la miglior partita della mia gestione. La squadra ha messo tutto quello che era in grado di poter dare, ogni elemento è uscito stremato. La qualità tecnica oggi è stata veramente di livello, la prestazione rimane straordinaria così come il risultato. Perché di solito, con una prestazione così, le partite si vincono. Oggi però non si tratta di due punti regalati, si tratta di due punti sottratti e ci dispiace. Come ho detto ieri in conferenza stampa, la nostra realtà è notevolmente emarginata e sottovalutata. Io però faccio l’allenatore, non posso capire questo".

D’altronde Cosmi, da navigato allenatore d’esperienza, aveva già messo in guardia la tifoseria: "Sapevo che certe giornate ci sarebbero capitate e mi dispiace. Questa è una sconfitta che lascia il segno. Per me è una sconfitta. Da domani dobbiamo metterci tutto alle spalle e dire ai miei ragazzi che il calcio non è questo, che le partite giocate così solitamente si vincono. Le qualità del Cagliari sono sotto gli occhi di tutti e non sono da mettere in discussione, purtroppo è stata una partita condizionata fin troppo da altri episodi”. Il timore, adesso, è che il Trapani possa incontrare ulteriori ostacoli sul suo cammino: "Non voglio essere cattivo profeta, ma temo che da qui in poi faremo fatica a fare nove punti. Il calcio lo conosco, non riguarda il valore della squadra".

L’episodio scatenante è il mancato rigore assegnato per un fallo su Eramo nel secondo tempo: "Il rigore andrebbe comunque realizzato - precisa Cosmi - ma l’espulsione ti dà la certezza di avere un uomo in più. E questo qualcosa te la concede”. Il tecnico granata trova anche il modo per ironizzare: "Allora a questo punto doveva ammonire Eramo, come fatto con Petkovic nel finale. Se cade da solo, allora simula. Forse c’ha fatto un favore. Penso sia stato visto da tutti i presenti tranne tre e non credo di dire una cosa offensiva. Le decisioni alla fine le prendono quei tre, non i tifosi, gli steward o gli allenatori”. Non che il Trapani non abbia commesso errori, soprattutto nel finale: "Non possiamo trovarci due contro due al limite dell’area allo scadere”, ammette con amarezza Cosmi.

Un ultimo giudizio, infine, l’allenatore umbro lo fa sulla prestazione del Cagliari. Dichiarazioni taglienti nei confronti di una squadra apparsa inferiore al Trapani sotto ogni punto di vista sul campo del Provinciale: "Il Cagliari ci ha creduto fino all’ultimo secondo, questa è la versione italiana delle partite… Quello che si è visto oggi è impossibile che venga raggiunto in classifica”. Riso amaro per il tecnico, che adesso dovrà risollevare il morale di una squadra a pezzi.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php