Live Sicilia

CALCIO - LEGA PRO

La quinta sinfonia del Gigante
Akragas da leggenda, Andria k.o.


Articolo letto 24.127 volte

I biancazzurri si impongono su un campo difficilissimo. Di Grazia sigla una doppietta, accorcia De Vena ma non basta a interrompere il filotto di sole vittorie della gestione Rigoli.

VOTA
1/5
1 voto

ANDRIA (BAT) - Ancora una vittoria per l’Akragas di Pino Rigoli, che fa cinque su cinque, vincendo 2-1 sul difficile campo della Fidelis Andria, squadra diretta avversaria nella lotta per evitare i playout. Il fattore “Di”, Di Grazia e Di Piazza danno la vittoria ad una squadra cinica che capitalizza le poche occasioni contro una delle migliori difese del girone. Rigoli in cinque partite fa volare l’Akragas, ora a quota 28 punti (con tre punti di penalizzazione) L’Akragas si presenta con Maurantonio tra i pali al posto di Vono infortunato, con Salandria in difesa insieme a Grea, Muscat e Marino, centrocampo classico a tre con Vicente, Muscat e Dyulgerov e trio d’attacco invariato rispetto alle ultime gare con Di Piazza sostenuto da Madonia e Di Grazia. I primi minuti scorrono senza nessuna occasione degna di nota, ma con i padroni di casa più vivaci con Grandolfo che sfiora il gol, mandando alto sugli sviluppi di un calcio d’angolo. Ancora l’Andria pericolosa al minuto 22’ con Piccinni che con un tiro potente coglie il palo esterno, sulla ribattuta, Tartaglia non è preciso e spedisce alto.

L’Akragas si fa vedere per la prima volta in area della Fidelis Andria al minuto 26, quando Dyulgerov respinge un pallone in rete dopo una punizione: l’arbitro annulla per fuorigioco. Il gol arriva però due minuti più tardi con Di Grazia che con un tiro potente costringe Poluzzi alla ribattuta, il pallone però finisce di nuovo all’attaccante che non sbaglia e da posizione angolata trafigge il portiere. Il giovane goleador subito dopo la rete, abbraccia tutti giocatori in panchina e il suo allenatore Rigoli, deciso a puntare su di lui subito dopo il suo arrivo. Il gol spiazza l’Andria che subito reagisce con Grandolfo prima e Aya poi, ma invano. Il primo tempo si chiude con l’Akragas avanti. Nel secondo tempo sono i padroni di casa a farsi avanti con due grandi occasioni: la prima è sui piedi di Piccinni con un cross pericoloso in area che attraversa la linea di porta facendo tremare i giocatori agrigentini. Maurantonio, una grande partita la sua, ribatte più volte i tentativi degli avversari, compiendo un vero e proprio miracolo su Bisoli al minuto 59.

L’Akragas però capitalizza le poche occasioni create e raddoppia al minuto 61, grazie ad un contropiede avviato da Madonia e concluso a rete da Di Piazza, che bissa il gol della scorsa settimana. Rigoli inserisce Aloi e cerca di difendere il risultato contro i pugliesi che con caparbietà trovano però il gol della speranza con De Vena che a quindici minuti dalla fine insacca il due a uno. De Vena ci prova ancora ma Maurantonio è strepitoso e si oppone prontamente, conservando il vantaggio. Brividi nel finale con Grandolfo che di testa sfiora il gol. L’Akragas vince ancora per un ruolino che nelle ultime cinque gare non ha rivali, aggancia proprio la Fidelis Andria a quota 28 e si allontana sempre più dalla zona calda dei playout.

TABELLINO

FIDELIS ANDRIA-AKRAGAS 1-2

FIDELIS ANDRIA: Poluzzi, Tartaglia, Bangoura (72’ Capellini), Aya, Cortellini, Stendardo, Onescu (84 Bollino), Piccinni (64’ Cianci), Grandolfo, Bisoli, De Vena. A disposizione: Cilli, Vittiglio, Paterni, Alhassan, Matera, Dellino. Allenatore: Luca D’Angelo

AKRAGAS: Maurantonio, Salandria, Grea, Vicente, Muscat, Marino, Dyulgerov, Zibert, Di Piazza (87’ Cristaldi), Madonia, Di Grazia (64’ Aloi). A disposizione: Maurantonio, Cappello, Mauri, Candiano, Leonetti, Fiore, De Rossi, Lo Monaco. Allenatore: Pino Rigoli

Reti: 27’ Di Grazia, 61’ Di Piazza, 76’ De Vena

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php