Live Sicilia

calcio - lega pro

Un autogol salva il Messina
La Paganese impatta sul 2-2


Articolo letto 14.141 volte

I peloritani, con Lello Di Napoli all'esordio casalingo da allenatore, vanno due volte sotto ma riescono comunque a guadagnare un punto prezioso.

VOTA
5/5
1 voto

MESSINA - Il Messina conferma di avere un grande cuore, ma si scopre fragile in difesa. Il match del San Filippo con la Paganese è un mix di gol e spettacolo, con i campani avanti per due volte con il gol di Carcione al 19' e di Deli al 55', prima del gol di Barisic e del clamoroso autogol di Acampora al 77'. Espulsi Baccolo al 66' ed Esposito al 73'. Di Napoli sorprende con qualche novità, come De Vito al centro della difesa insieme a Burzigotti con Zanini terzino sinistro e Barilaro a destra. Centrocampo confermato con Baccolo davanti alla difesa con Fornito e Giorgione. In avanti esordio dal 1' minuto per Barisic esterno sinistro, mentre Gustavo agisce sulla destra in supporto a Tavares unica punta. Il terreno allentato dalla copiosa pioggia caduta sulla città dello Stretto durante l'intero arco della mattinata, non impedisce alle due squadre di dar vita ad un match vivo, equilibrato e divertente con tante situazioni interessanti sia da una parte che dall'altra.

Al 19' però gli ospiti passano con Caccavallo che su corner trova Carcione dal limite che calcia di prima intenzione, Berardi però la combina grossa arrivando troppo molle sul pallone. Il Messina però attacca a testa bassa, sfondando molte volte sulla destra con Giorgione e Barilaro. Al 26' sponda di Tavares per Gustavo che calcia al volo da posizione centrale mandando nettamente alto sopra la traversa. Al 37' però la Paganese va ad un palmo dal raddopio, con Caccavallo che con una splendida punizione dalla destra coglie in pieno la traversa con Berardi fermo come una statua di sale. Al 42' Messina vicino al pareggio, con Fornito che dalla sinistra mette in mezzo un bel cross trovando Tavares che schiaccia a colpo sicuro, ma Marruocco nstrozza in gola l'urlo dell'infreddolito pubblico del San Filippo. Al 44' Marrucco è prodigioso quando un pallone di Giorgione filtra dalla destra trovando Tavares sul primo palo che calcia al volo trovando l'opposizione dell'estremo campano. Il Messina va negli spogliatoi immeritatamente sotto di un gol, con il rimpianto di non aver capitalizzato al meglio le occasioni capitate, ma soprattutto di aver subito un gol evitabile.

Pronti via e il Messina agguanta il pari, grazie a Barisic che impallina Marruocco con un destro terrificante impallina Marrucco, mandando la palla sìnell'angolino alla sinistra dell'estremo azzurrostellato. Il pareggio meritato del Messina però dura appena 5 minuti, con Cunzi che mette in mezzo dalla destra, Berardi non esce e Barilaro si fa anticipare da Deli che di testa segna il gol del nuovo sorpasso. Al 65' ospiti ad un passo dal tris con Deli, che dopo un bello scambio con Caccavallo in contropiede, grazia Berardi con un diagonale che termina sul palo. Un minuto dopo sulla sfida sembra calare il sipario, quando Baccolo (già ammonito) abbatte Caccavallo finendo prima del tempo la sua partita, per il secondo giallo mostrato dal Sig. Forneau. In realtà inizia un'altra partita nella partita, che ha inizio ufficialmente al minuto 73' quando Fornito mette in mezzo dalla sinistra trovando Scardina sul secondo palo abbattuto da Esposito, che raccoglie il secondo giallo della partita ristabilendo la parità numerica. Dal dischetto però si presenta Tavares che manda clamorosamente alto.

Il vero protagonista del match, suo malgrado, sarà Acampora che al 76' prende il posto di Vella entrato appena da una decina di minuti. L'impatto sulla partita del difensore della Paganese è degno di un film di Dario Argento, perchè dopo appena un minuto devìa un traversone dal fondo di Scardina, la palla prima sbatte sul palo e poi varca la linea nonostante il tentativo disperato di Marruocco anche se poi c'è stato il tap-in di Tavares. Il Messina si getta in avanti per il cercare il gol vittoria, prestando però il fianco al contropiede campano. Un punto per uno e tutti contenti, al termine di una partita tirata, equilibrata, decisa da episodi che però giustamente non vede nessuno prevalere sull'altro. Il Messina ha un cuore, e questo lo si sapeva, ma queste amnesie difensive sempre più frequenti devono essere curate.

Tabellino

Messina-Paganese 2-2
Marcatori: Carcione al 19', Barisic 50', Deli 55', 77' aut. Acampora

Messina: Berardi, Barilaro, Zanini, Baccolo, Burzigotti, De Vito, Fornito (86' Genny Russo), Giorgione, Tavares, Gustavo (68' Giuseppe Russo), Barisic (57' Scardina). A disposizione: Addario, Mileto, Fusca, Ionut, Biondo, Masocco, Salvemini. All. R. Di Napoli.

Paganese: Marruocco, Esposito, Bocchetti (57' Penna), Carcione, Sirignano, Tsouka, Deli, Guerri, Cicerelli (65' Vella) (76' Acampora), Caccavallo, Cunzi. A disposizione: Borsellini, Acampora, Magri, Palmiero, Grillo, Della Corte, Tommasone, Cassata, Corticchia, De Vita. All. G. Grassadonia

Arbitro: Sig. Francesco Forneau di Roma 1. Guardalinee: Sig.ra V. Vettorel di Latina e Sig. Leonardo De Palma di Termoli

Ammoniti: Esposito, De Vito, Baccolo, Giorgione, Cunzi, Marruocco, Guerri, Fornito
Espulsi: Baccolo al 66' ed Espisito al 73' per doppia ammonizione

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php