Live Sicilia

lega pro

Di Napoli vuole il primo sorriso:
"Ripartire dalla prova di Cosenza"


Articolo letto 1.368 volte

Le parole del tecnico giallorosso alla vigilia del match casalingo contro la Paganese dell'ex Gianluca Grassadonia.

VOTA
0/5
0 voti

MESSINA - Ripartire dalla buona reazione vista con il Cosenza. Ecco la mission del Messina, che domani spera di sfatare una volta per tutte il tabù Paganese, che nella sua ottenuto due successi ed un pareggio nei tre precedenti in riva allo Stretto. Tre punti che potrebbero essere una vera e propria pietra tombale sul discorso salvezza, come tra l’altro spiegato dallo stesso Fornito in settimana.

Gli azzurrostellati sono reduci dal pirotecnico 4-3 contro la Juve Stabia, che testimonia la grande pericolosità offensiva della squadra di Gianluca Grassadonia, che per la prima volta torna al San Filippo da avversario: “Affrontiamo una buonissima squadra – ha dichiarato il tecnico giallorosso – mi sarebbe piaciuto affrontare una settimana diversa, magari dopo un risultato positivo, ma a Cosenza abbiamo offerto un’ottima prova e da quella dobbiamo ripartire. Sarà una battaglia e ci faremo trovare pronti. In settimana abbiamo visto cosa è andato e cosa non è andato al San Vito, la Paganese può disporre di un ottimo attacco che ha fatto 28 gol ma ne ha subiti altrettanti, quindi dobbiamo fare molta attenzione sulle ripartenze”.

Per esorcizzare gli spauracchi di Cunzi e Caccavallo, Di Napoli però non avrà a disposizione Martinelli, espulso a Cosenza. E’ quindi probabile che il quartetto di difesa dovrebbe essere composto da Barilaro e De Vito terzini, con Burzigotti e Russo (favorito su Mileto) al centro: “Ho ancora qualche dubbio sulla difesa, valuteremo durante la rifinitura, chi sostituirà Martinelli sarà all’altezza. Abbiamo bisogno di un difensore rapido che attacca l’uomo e non arretra senza scappare. Conosco Caccavallo perché l’ho allenato, conosco la sua rapidità nell’attaccare lo spazio e dovremo stare molto attenti. Ionut? E’ venuto per darci una mano, può essere una buona riserva che può essere impiegato sia al centro che a destra, in questo momento è in ritardo di condizione”.

Per quanto riguarda il resto della formazione, a centrocampo confermato Baccolo in cabina di regia con Fornito e Giorgione. In avanti Salvemini favorito per formare il trio d’attacco insieme a Gustavo e Tavares. Su Messina-Paganese è tornato ad aggirarsi il fenomeno delle puntate anomale, che questa volta riguarda il segno X: “Io sono un uomo di campo e non so cosa sia né la Federbet né il mondo delle scommesse. Lavoro 10 ore al giorno tra casa e campo per raggiungere il massimo del risultato la domenica, non conosco altro stile di vita”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php