Live Sicilia

calcio - serie a

Con Schelotto il Mudo è decisivo
Vazquez bomber da trasferta


Articolo letto 2.200 volte

L’italo-argentino, impiegato in una posizione da esterno nel 4-3-3 del Mellizo, contro il Sassuolo ha messo a segno la sua terza rete lontano dal ‘Barbera’ su quattro complessive. Sotto la guida del tecnico ex Lanus il Mudo sembra tornato ai livelli della scorsa stagione.

VOTA
1/5
1 voto

PALERMO - Il peggio sembra alle spalle, adesso c’è da salvare una serie A a Palermo per conquistarsi magari un maglia azzurra per gli Europei di questa estate in Francia. Per Franco Vazquez, attaccante italo-argentino classe ’89, l’arrivo in Sicilia del tecnico Guillermo Barros Schelotto ha portato una ventata d’ottimismo per il calciatore di cui, dopo l’esonero di Beppe Iachini e la parentesi con Ballardini in panca, si erano perse le tracce al di là di rari sprazzi del suo talento. Il gol col Sassuolo di domenica scorsa, arrivato a conclusione di un’azione a cui lo stesso Vazquez ha dato impulso con il passaggio poi chiuso da Trajkovski, sono la prova che il giocatore originario di Tanti è tornato a parlare l’unica lingua che conosce, ovvero quella del pallone.

Il modo in cui l’ex Belgrano ha festeggiato la rete che ha aperto le marcature con i neroverdi (mani portate alle orecchie e urlo liberatorio finale, ndr) sta a testimoniare che il numero 20, affidato adesso alle cure non solo di Schelotto ma anche di un uomo spogliatoio come Giovanni Tedesco, ci tiene a scrollarsi di dosso critiche e voci di mercato, che lo vedono vicino alle big d’Italia e non solo, per prendersi invece sulle spalle il peso del gruppo rosanero che mai come in questo momento necessità del suo estro e delle suo giocate da top player.

Decisivo per la crescita del rendimento del Mudo è stato di sicuro il cambio di modulo. Il 4-3-3 di Schelotto sembra infatti cucirsi alla perfezione su Vazquez, maggiormente incisivo in zona offensiva nelle ultime quattro gare con due assist e un gol, che trova più spesso palloni da giocare e molto meno i tackle poco eleganti dell’avversario di turno, che puntualmente non ci pensa su due volte a stenderlo. In questa posizione il giocatore parte dunque da esterno ma in realtà già dopo pochi minuti non concede più punti di riferimento come in occasione del gol agli uomini di Di Francesco.

Da considerare c’è poi una costante di questa singola stagione che vede Alberto Gilardino bomber ‘casalingo’ (con 5 reti al ‘Barbera’ su 6 complessive) e Vazquez goleador costante in trasferta (3 delle 4 reti del Mudo sono arrivate fuori dalle mura amiche) e quasi sempre decisivo, come successo nelle vittorie  esterne con Bologna e Verona. Se alle reti si sommano poi gli assist (9) gli attacchi portati all’area avversaria (92) e le occasioni gol (31 poco sopra a Gilardino a quota 28, ndr) siamo al cospetto di un elemento che non può che risultare decisivo nella corsa salvezza della sua squadra.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php