Live Sicilia

basket - serie a

Di Carlo ringrazia Jasaitis:
"Per l'Orlandina è devastante"


Articolo letto 1.855 volte

Il coach della Betaland è raggiante dopo il ritorno alla vittoria contro la Umana Reyer Venezia, che rilancia le ambizioni di salvezza dei paladini. Grandi complimenti per il lituano, al rientro dopo l'infortunio e decisivo per la rimonta.

VOTA
0/5
0 voti

CAPO D’ORLANDO (MESSINA) - Un successo che cambia tutto. Non solo la classifica, dove l’Orlandina non è più ultima in solitaria, ma anche la mentalità di una squadra reduce da otto sconfitte consecutive. Lo sa bene Gennaro Di Carlo, al suo primo successo in Serie A, ottenuto in un momento di crisi apparentemente irreversibile: "Non me ne voglia Venezia, ma l’avversario più tosto eravamo noi stessi”, ha dichiarato il coach al termine della partita. "Abbiamo più volte pensato all’approccio della gara in settimana - prosegue Di Carlo - e la tensione di queste settimane si è vista”.

L’Orlandina ritrova la vittoria proprio quando torna in campo Simas Jasaitis. Il fuoriclasse lituano ha trascinato i suoi verso la rimonta contro Venezia e, al rientro dall’infortunio, si è mostrato ancora una volta decisivo per le sorti di Capo d’Orlando: “La vera difficoltà è stata gestire Jasaitis - ammette coach Di Carlo - soprattutto poterlo fare entrare in ritmo partita. Abbiamo preso un grande rischio nell’ultimo quarto, ma la sua presenza in questa squadra è devastante”. Il ringraziamento del tecnico casertano si allarga poi a tutta la squadra: "Devo ringraziare tutti i ragazzi. Noi dobbiamo vincere le partite a sessanta punti, glielo avevo detto e lo abbiamo fatto”.

Il PalaFantozzi è tornato infine ad essere decisivo. Il fattore casa, che l’Orlandina non ha quasi mai sfruttato in questa stagione, s’è fatto sentire nel momento del maggiore bisogno: "Ringrazio anche tutto il pubblico di Capo d’Orlando, che anche questa sera si è dimostrato magico, come quando nella passata stagione ci ha aiutato a battere Sassari”. Questa vittoria, per Di Carlo, può essere il segnale della svolta verso la salvezza: "Penso di sì. Mi auguro che possa farci prendere coscienza sulle nostre capacità. Possiamo giocare sempre meglio e soprattutto possiamo segnare di più".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php