Live Sicilia

calciomercato

Palermo, trattative in fermento
Pista Obiang, idea futura Calleri


Articolo letto 5.081 volte

I rosa, dopo aver messo a segno già quattro colpi in entrata, si muovono ancora per migliorare la rosa in possesso del nuovo allenatore Schelotto. Proprio grazie al tecnico argentino potrebbe riaprirsi la pista che porta al talento del Boca Juniors. A giugno.

VOTA
3.7/5
3 voti

PALERMO -Se non sarà una mezza rivoluzione ci si andrà comunque vicini. Il Palermo del presidente Maurizio Zamparini, fresco di un doppio cambio in panchina con gli esoneri in sequenza di Beppe Iachini e Davide Ballardini, si trova infatti a vivere una delle sessioni invernali di mercato più controverse degli ultimi anni con un 'traghettatore', Fabio Viviani, che allenerà i rosanero fino alla sfida di domenica prossima contro il Genoa e un nuovo tecnico, Barros Schelotto, che invece è pronto a fare il suo esordio nel campionato italiano dopo l'esperienza in Argentina con il Lanus.

In questo clima la società di viale del Fante ha portato avanti in ogni caso le proprie trattative di mercato, mettendo a segno fino ad ora ben quattro operazioni in entrata. Dagli attaccanti Arteaga e Balogh, passando per il centrocampista Bryan Cristante fino al difensore Thiago Cionek, i rosanero hanno infatti tamponato gli addii agli epurati Luca Rigoni e Fabio Daprelà reintegrando inoltre in squadra il terzo elemento du questo gruppo, Enzo Maresca.Con un undici di partenza già abbastanza delineato quindi i siciliani vanno alla ricerca di quegli elementi in grado di fornire i giusti ricambi al nuovo arrivato Schelotto.

Sono tanti i nomi in questo senso ad orbitare nella galassia rosanero. L'ultimo in ordine di tempo è quello di Pedro Obiang. Il centrocampista spagnolo ex Sampdoria nello specifico potrebbe rientrare nei piani del Palermo che nella propria mediana deve rimpiazzare Rigoni dando fiato al bulgaro Chochev. L'esperienza poco esaltante fino a questo momento di Obiang con gli inglesi del West Ham potrebbe difatti convincere il calciatore a fare le valigie per tornare nel campionato italiano dove tanto bene ha fatto con i colori blucerchiati.

In questa specifica zona del campo esistono però altri profili che i rosa seguono nel caso di un rifiuto da parte di Obiang. Uno fra questi è quello del croato Antonio Perosevic, classe '92 in forza all'Osijek, che il Palermo segue al pari di società della nostra serie B come Modena e Bari. Sul giovane giocatore, che si adatta anche al ruolo di esterno d'attacco ruolo chiave nel 4-3-3 che ha in mente Schelotto, è inseguito anche da Hajduk e Rijeka, anche se il Palermo parte in vantaggio.

Ma il ds Gerolin e il presidente Zamparini non si fermano qui e dalle ultime indiscrezioni il Palermo avrebbe messo gli occhi anche sul classe '95 in forza al Lens Wylan Cyprien. Per quest'ultimo, già nel mirino di diversi club francesi ma non solo, la richiesta è però di 5 milioni di euro. Più semplice probabilmente arriva al prestito, girato dal Napoli, di Eddy Gnahoré. Il giocatore, acquistato dai partenopei dalla Carrarese e soffiato proprio alla concorrenza dei rosanero, dovrebbe essere girato immediatamenti in prestito dagli azzurri con il Palermo che insieme al Carpi sarebbe pronto ad accoglierlo fino a giugno.

La suggestione finale arriva però sempre da oltreoceano e sopratutto dal Sudamerica. Un vecchio obiettivo dei rosa in estate, Jonathan Calleri, potrebbe diventare un giocatore del Palermo a fine giugno, visto l'ormai imminente passaggio del calciatore del Boca Junior ai brasiliani dell'Atletico Mineiro. Prima bisogna liberare un posto da extracomunitario. Il dietrofronto dell'Inter nei confronti del ragazzo sembra, comunque, aver riacceso la fiamma fra Calleri ed il Palermo che da adesso potrà contare sull'importante arma dell'arrivo di Schelotto in panchina. Con l'ex xeneize alla guida tecnica, Calleri potrebbe infatti convincersi ad accettare le condizioni del Palermo per venire a giocare in Italia.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php