Live Sicilia

basket

Agrigento, è tempo di ripartire
Ciani vuol recuperare Eatherton


Articolo letto 18.910 volte

La pausa per l’All Star Game è servita a ridare fiato non solo ai campani alla Fortitudo, che attende buone notizie dall’infermeria e guarda al match contro Agropoli.

VOTA
0/5
0 voti

AGRIGENTO - Finita la pausa, è tempo di pensare al campionato. La Fortitudo Agrigento ha perso la vetta del girone ovest alla prima giornata di ritorno, ma non vuole perdere terreno nei confronti della capolista Scafati. L’occasione per restare in scia arriva questo sabato, in trasferta, contro un’Agropoli in crisi nera: la principale sorpresa del torneo è reduce infatti da tre sconfitte consecutive, che l’hanno di fatto sganciata dal treno di testa, e nel match casalingo contro gli agrigentini rischiano di scivolare fuori dai primi quattro posti in classifica. La pausa per l’All Star Game è servita però a ridare fiato non solo ai campani, ma anche alla Fortitudo, che attende buone notizie dall’infermeria.

Scott Eatherton, assente per un problema muscolare nelle sfide interne contro Omegna e contro Biella, dovrebbe recuperare per la trasferta di Scafati. Il suo rientro è di fondamentale importanza per coach Ciani, che ha dovuto “spremere” in quintetto un De Laurentiis protagonista assoluto della prima parte di stagione, tanto da meritarsi una convocazione all'All Star Game: “Un’esperienza fantastica, un evento organizzato molto bene dalla Lega, che non ci ha fatto mancare nulla. È stato molto emozionante giocare con i migliori giovani di questo campionato e i migliori americani. Ringrazio di cuore tutti coloro che mi hanno permesso di esserci”, ha ammesso il lungo della Fortitudo, risultato essere il giocatore più votato dai tifosi per l’assegnazione dei roster.

Nella manifestazione tenuta la scorsa domenica a Rimini, la Fortitudo è stata rappresentata anche da Kelvin Martin, miglior marcatore della formazione Ovest con 26 punti messi a referto: “La mia esperienza da All-Star è stata divertente. Mi ha fatto piacere incontrare gli americani del girone Est, così giocare insieme a ragazzi che di solito sono miei avversari per rappresentare l’Ovest insieme a loro. Mi sono davvero divertito. Anche la gara del tiro da tre molto divertente da guardare, partecipare a quella delle schiacciate ancora di più, anche se penso di essere più uno schiacciatore ‘da partita’. Durante la gara non si è difeso molto, come sempre in questi casi, ma entrambe le squadre hanno sempre cercato di coinvolgere il pubblico e farlo divertire. Quanto a noi biancazzurri, penso di aver fatto una discreta partita, ho fatto un po’ di tutto di quello che normalmente cerco di fare ogni volta. Rino secondo me ha giocato molto bene. Ha tanta qualità e un grande futuro davanti a sé. Sono felice e fiero di lui”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php