Live Sicilia

calcio - serie a

Mantovani lascia il Palermo
Belotti ancora verso la panchina


Articolo letto 2.696 volte

La società ha ufficializzato la risoluzione dell'accordo che vincolava il calciatore al club rosanero. Iachini prova l'undici anti-Verona: Gonzalez favorito su Bamba per rimpiazzare Munoz, Vazquez dovrebbe vincere il ballottaggio con la punta dell'under 21.

VOTA
1/5
2 voti

andrea mantovani, mantovani, palermo, risoluzione contratto mantovani, serie a, Calcio, Palermo, Serie A
Andrea Mantovani
PALERMO - Andrea Mantovani lascia il Palermo. Il difensore ex Chievo ha risolto consensualmente il contratto che lo legava al club di viale del Fante. A darne conferma lo stesso club rosanero, con una nota diramata sul proprio sito ufficiale: "L'U.S. Città di Palermo comunica di aver risolto, consensualmente al calciatore, il contratto di Andrea Mantovani. Al difensore i migliori auguri da parte del Club di viale del Fante per il proseguimento della carriera".

Notiziario. L’infortunio di Munoz cambia le carte di Beppe Iachini. Se con l’argentino, il tecnico rosanero, poteva anche permettersi l’inserimento di due “nuovi” vista l’affidabilità proprio di Munoz, senza di lui cambia qualcosa. Iachini vuole puntare sulla vecchia guardia per lanciare gli ultimi arrivati Gonzalez e Bamba, giocatori d’esperienza ma che vanno “guidati” al loro esordio in serie A. E allora a Verona, probabilmente, ci sarà spazio solo per uno dei due.

Ballottaggio quindi aperto tra il costaricano e l’ivoriano, con Gonzalez in vantaggio su Bamba, grazie a qualche giorno d’allenamento in più sulle gambe. Iachini, poi, dovrebbe dare spazio a Terzi e Andelkovic, stessa coppia dello scorso campionato di B. Questione di feeling, o meglio, di gerarchie. Iachini è però consapevole che se Bamba continuerà a convincere come ha fatto in Nazionale e anche nei giorni d’allenamento a Boccadifalco, sarà davvero difficile mantenere certe scelte. Una difesa comunque ricca di altre alternative, c’è sempre Milanovic che non è più andato a Vicenza, o Emerson Palmieri, terzino brasiliano da oggi a Palermo (sarà presentato domani allo stampa), che può benissimo adattarsi alla difesa a tre. Per il giovane Monteleone si aprono invece le porte del Vicenza, ma c’è tempo fino a lunedì prossimo alle 12.

Gerarchie che verranno confermate anche in mezzo al campo, con Pisano a destra e Daprelà a sinistra, Lazaar infatti non è al top e a Verona non ci sarà. In mezzo al campo Barreto e Bolzoni saranno i polmoni di Rigoni. Iachini però apprezza molto il lavoro di Maresca, un ottimo “congela risultato” se le cose dovessero mettersi bene. Passiamo al reparto offensivo, anche qui c’è un ventaglio di scelte. Difficile però vedere volti nuovi, anche perché Dybala contro la Sampdoria è stato galattico e ha bisogno di una spalla o di un supporto che possa innescare il suo turbo. Iachini, anche al Bentegodi, inserirà verosimilmente Vazquez, giocatore su cui crede fermamente. E Belotti? Entrerà nella ripresa, se le cose non dovessero andare per il verso giusto. Gli allenamenti di questi giorni hanno confermato le indiscrezioni, Iachini quindi difficilmente cambierà uomini e modulo per la partita contro gli scaligeri.

Intanto sarà Gianluca Rocchi di Firenze a dirigere la sfida di lunedì tra Hellas Verona e Palermo. L'arbitro toscano sarà coadiuvato dagli assistenti Fabio Pietro Galloni di Lodi e Sergio Ranghetti di Chiari. Quarto ufficiale Omar Gava di Conegliano Veneto, arbitri addizionali Daniele Doveri di Roma 1 ed Gianluca Manganiello di Pinerolo.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php