Live Sicilia

la storia

Balzaretti: "Non riesco a correre"
Carriera a rischio per l'ex idolo rosa


Articolo letto 5.074 volte
balzaretti, infortunio balzaretti, palermo, roma, serie a, Calcio, Serie A
Federico Balzaretti

Il giocatore della Roma da dieci mesi soffre di una fastidiosa forma di pubalgia che gli impedisce di tornare in campo. Due operazioni, la riabilitazione, eppure il problema persiste. Il dramma sportivo e umano di un palermitano d'adozione, rimasto legato alla città e ai colori rosanero anche dopo il suo addio.


PALERMO -  "Non so né se, né quando tornerò a giocare, ma io ce la metterò tutta”. Parole che rischiano di suonare come una condanna per Federico Balzaretti, tra i protagonisti del Palermo di Delio Rossi, ora alla Roma. Il terzino da quasi un anno convive con una fastidiosa forma di pubalgia che gli impedisce di allenarsi e scendere in campo: “Dieci mesi fa ho avuto un dolore sul pube a Trigoria - spiega -. Non avendo mai avuto questo problema pensavo fosse passeggero. Subito dopo la gara di campionato col Sassuolo non riuscivo neanche a camminare, mi facevano male le ossa vicino al pube dove non ho più cartilagine".

Due operazioni, un periodo di riabilitazione infinito, eppure il problema continua a persistere. Adesso Balzaretti la notte è costretto a dormire con dei campi elettromagnetici: "Mi sono sottoposto ad un intervento in America, senza riuscire a migliorare - prosegue il terzino - poi a Monaco di Baviera mi sono operato nuovamente per eliminare dei nervi che mi procuravano dolore ma anche in questo caso non sono riuscito a fare dei progressi. Adesso non riesco neanche a correre”.

Un dramma sportivo e umano, un rebus che appare senza soluzione. Chissà quanti tifosi rosanero avranno pensato a lui nelle ultime tre stagioni, specie quando le prestazioni dei suoi eredi sulla fascia sinistra non sono state all'altezza della situazione. E chissà che anche Balza non abbia rimpianto le sgroppate sulla sinistra al "Barbera", incitato dal pubblico con cui ha stretto un legame forte, fortissimo, al punto da essere considerato un palermitano d'adozione, e non solo per la love story con l'étoile Eleonora Abbagnato.

Dalla finale di Coppa Italia col Palermo, con l'Olimpico dipinto di rosanero, passando per l'Europeo con l'Italia di Prandelli e per il gol nel derby capitolino contro la Lazio, al rischio di non poter giocare più. "Ho bisogno di fare ancora fisioterapia, ho bisogno di altri mesi per provare a rientrare”. Coraggio Balza, non mollare. Non può e non deve finire così. Questo è il duello più importante della tua carriera. Bisogna vincerlo.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php