Live Sicilia

Tour de France, 20^ tappa

Nibali, la maglia gialla è tua
Oggi la passerella a Parigi


Articolo letto 1.360 volte
cronometro, francia, maglia gialla, messina, nibali, tour de france, Ciclismo, Messina, Sport, Messina
Vincenzo Nibali

Lo squalo di Messina chiude una grande cronometro al quarto posto e mette il sigillo sul suo primo Tour de France. Oggi la passerella d'onore a Parigi. I complimenti dell'assessore al Turismo Michela Stancheris, della madre di Pantani e del presidente del Coni Malagò.

VOTA
1/5
1 voto

Vincenzo Nibali ha messo il sigillo sull'edizione del Tour de France. Lo squalo di Messina, nella penultima tappa a cronometro della competizione ha chiuso infatti al quarto posto blindando la sua maglia gialla dai diretti avversari.

"E' stata una cronometro difficile da affrontare, ora aspettiamo domani: sarà il momento più bello di tutto il Tour de France, con l'Arco di Trionfo e poi la premiazione". Sono le parole della maglia gialla Vincenzo Nibali dopo l'unica crono-tappa della Grande Boucle, che si chiuderà oggi con la passerella di Parigi.

"Non è un sogno, ho vinto davvero". Vincenzo Nibali finalmente scioglie la tensione accumulata sui pedali e si lascia andare alla gioia per la conquista del Tour de France. "E' tutto irreale, il mio pensiero è per domani (oggi, ndr), sarà da pelle d'oca - spiega il messinese pensando alla passerella di Parigi -. Voglio gustarmi questa bellissima vittoria".

"Sono felice per Nibali, e' stato bravo. Ora lo aspetto a braccia aperte. Sono stata io a farlo vincere? No, no, è stato bravo lui". Questa la dichiarazione di Tonina Pantani, mamma di Marco, ospite all'Est Film Festival di Montefiascone, giunto all'ottava edizione e diffusa dall'ufficio stampa Iceman Management. In contemporanea con la penultima tappa del Tour de France, che ha visto Nibali ancora protagonista, Tonina e Pino Roncucci, storico direttore sportivo che scoprì Pantani giovanissimo nel team Giacobazzi, hanno partecipato ad un incontro pubblico a cui ha preso parte anche Carlo Campili della Iceman Management, l'agenzia che cura l'immagine della famiglia del Pirata. Nibali aveva annunciato che in caso di vittoria del Tour avrebbe regalato la maglia gialla a Tonina, visto che proprio Tonina, in occasione del decennale della morte di Marco, aveva donato la maglia gialla di Marco proprio a Nibali.

"Lo sport siciliano oggi festeggia il suo campione: lo "squalo dello stretto" che entra nell'olimpo del ciclismo internazionale vincendo il Tour de France. Mi complimento con Nibali per la prova di forza e di passione che gli ha concesso di raggiungere questi traguardi. La politica in queste circostanze deve fare un passo indietro nel rispetto di una vittoria che è frutto del sudore e della fatica di Vincenzo e della sua squadra. In rappresentanza del Governo regionale rivolgo i miei più sinceri complimenti a Nibali e gli auguro che la sua crescita continui per il bene dello sport siciliano e italiano". Questo il commento di Michela Stancheris, assessore al turismo, allo sport e allo spettacolo della Regione Siciliana. "Non più tardi di qualche mese fa - aggiunge - incontrai Vincenzo Nibali per conferirgli il riconoscimento di ambasciatore dello sport siciliano nel mondo. Vincenzo, forte anche dei colori e dello stemma della Regione siciliana, non ha tradito le attese e questo non può che essere da stimolo per tutti gli sportivi siciliani che devono, in ogni competizione, sentirsi ambasciatori della loro terra. Complimenti Vincenzo; ti aspettiamo per festeggiarti come meriti".

 "Un campione straordinario che fa onore a tutto lo sport italiano. Vincenzo Nibali ci sta regalando con un favoloso Tour de France gioie immense di cui tutti noi dobbiamo essere orgogliosi". E' il messaggio che il presidente del Coni, Giovanni Malagò, invia a Nibali, atteso domani alla passerella trionfale a Parigi. "A lui, alla Federazione e al suo presidente Renato Di Rocco - dice il capo dello sport italiano - va il nostro plauso per aver fatto rivivere agli italiani dopo tanti anni giornate memorabili che domani lo porteranno ad alzare le braccia trionfanti agli Champs-Elysées. Lo aspetto al Coni non appena con i suoi impegni potrà venire a Roma".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,18,sotto-articolo.php