Live Sicilia

Il tecnico rosanero

Iachini non fa sconti:
"Puntiamo sempre ai 3 punti"


Articolo letto 725 volte

L'allenatore del Palermo alla vigilia della sfida col Carpi: "Giocheremo la nostra gara come sempre. Abbiamo già detto che non avremmo abbassato la concentrazione per dare continuità a prestazioni e risultati".


, Sport, Palermo
PALERMO - All’andata fu un match particolare, vibrante, ricco di polemiche e tensioni. Il Palermo perse la sua ultima partita a Carpi, ma lo fece con un arbitraggio decisamente discutibile e un rigore opinabile. A distanza di un girone, è cambiato tanto: i rosa sono già promossi e domani cercheranno un altro record, quello dei punti. Oggi Beppe Iachini, alla vigilia della gara contro il Carpi, è tornato su quel match: “Ogni gara ha degli episodi. Noi eravamo in una fase di evoluzione, di lavori in corso. Stavamo facendo aggiustamenti e stavamo migliorando come atteggiamento e mentalità, oltre che in condizione generale. E' normale che potesse capitare qualche episodio, però alla fine ci sono stati cinque espulsi. Una partita particolare, diciamo così. Però abbiamo continuato il nostro percorso, e non meritavamo di perdere neanche quella partita. E' capitato, ma non pensiamoci. Pensiamo a cosa siamo adesso e a come ci siamo arrivati: grazie al lavoro duro e costante era normale essere quel che siamo oggi”.

Nessun calo di concentrazione quindi per i rosanero: “Abbiamo già detto che non avremmo abbassato la concentrazione per dare continuità a prestazioni e risultati. Giocheremo a calcio, saremo propositivi per fare più punti possibili, sia in casa che fuori. Stiamo continuando su questi fattori, ma non dimentichiamo che possono esserci episodi. Però vogliamo ricercare sempre il massimo e pur rispettando un avversario che ha fatto tanti punti fuori casa, con giocatori di qualità, dovremo fare una partita attenta e concentrata”.

Iachini ribadisce che in casa è sempre difficile trovare il bandolo della matassa: “Anche in casa, quando sblocchiamo la partita, difficilmente le squadre si aprono. Col Lanciano è stato palese, anche dopo il gol abbiamo continuato a spingere e loro speravano di ripartire o di segnare con un calcio piazzato. E' tipico della Serie B, di quando vieni a Palermo sperando di non prenderle”.

E poi sul mercato, Palermo alla ricerca di giocatori già esperti: “Lazaros e Kone al momento sono solo chiacchiere dettate dalla retrocessione di qualche società che adesso sta cercando di proporre dei ragazzi da piazzare per fare cassa. E' normale, in serie B i parametri economici cambiano. Vale per il Catania, come per Bologna e Livorno. Probabilmente qualcuno ha chiamato il presidente e glieli ha proposti. Kone lo conosco, ma non farò favori a nessuno. Serve logica. Kone è un ottimo giocatore, ma bisogna capire chi rimane e chi no”. Barreto e Munoz resteranno? “Sta parlando la società con loro. I ragazzi rimarranno e sistemeranno la situazione a breve, com'è giusto che sia. Per discutere di queste cose si aspettava il raggiungimento dell'obiettivo”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php