Live Sicilia

basket, quarti play-off

L'Upea vola in semifinale
Gara 4 fatale a Barcellona


Articolo letto 1.977 volte

I paladini conquistano la semifinale vincendo gara 4 al PalAlberti di Barcellona Pozzo di Gotto 74-78 contro la Sigma di Marco Calvani. Match equilibrato per tre quarti, poi gli uomini di coach Pozzecco hanno chiuso la serie. Adesso in semifinale i biancazzurri attendono la vincente di Veroli-Verona.

VOTA
0/5
0 voti

Barcellona, basket, lega due gold, orlandina, play off, quarti di finale, semifinale, Basket, Messina, Sport, Messina
PALERMO -  Alla fine a spuntarla nel derby messinese per un posto nelle semifinali per la promozione in serie A1 è l'Upea Capo d'Orlando che in gara 4 al 'PalaAlberti' contro la Sigma Barcellona chiude la serie per 3-1 imponendosi con il punteggio di 74-78. Gara equilibrata per tre quarti, con i giallorossi di coach Calvani sicuri di poter vincere anche il secondo atto nell'impianto di casa, ma i paladini di Pozzecco si impongono con un ottimo finale. Adesso l'Orlandina attende la vincente di Veroli-Verona, che si trovano sul 2-2 e si giocheranno gara 5 mercoledì 14 maggio.

La cronaca. L’Upea parte bene con 5 punti di Mays dopo 2’. Sigma reagisce con Young ma dopo 5' sono gli ospiti a mantenere il vantaggio 7-11. Filloy sfrutta bene le trame di gioco giallorosse e Barcellona riesce a mettere la testa avanti alla fine del primo periodo (20-19). Secondo quarto contraddistinto da diversi errori sotto canestro. I padroni di casa al 15' però sbagliano meno tanto da portarsi sul +9 (28-19). Basile e Soragna mettono in mostra il proprio talento iniziando a bombardare il canestro della Sigma dall'arco  tanto da riportare sotto i paladini alla sirena lunga 35-31.

Si riprende col solito copione, Barcellona che prova a fare la lepre e l'Upea che mette immediatamente una pezza con i suoi uomini d'esperienza. Al 23' siamo sul 40-37 per Barcellona.  I ragazzi di coach Calvani provano a rimettere un buon numero di punti fra se e gli avversari (50-42 al 27'). Portannese, Soragna e Basile sono i consueti protagonisti fra gli uomini di Pozzecco ma il terzo quarto si chiude 56-48.

Ultimo periodo con il pubblico di Barcellona che spinge i suoi fino al +13 dopo appena due minuti di gioco. A questo punto Basile diventa il vero mattatore della gara con le sue consuete bombe ignoranti che tengono su Capo d'Orlando.  Dopo 6' siamo sul 66-60 mentre quattro minuti dopo la situazione è capovolta in favore dell'Upea 66-69. Sigma non molla e a 1' dal termine si porta sul 71-72. Ma Basile oltre a farli i canestri li suggerisce, assist al bacio per Portannese e Archie portano l'Upea sul 71-76 a tredici secondi dalla fine. Barcellona abbandona i suoi sogni di gloria battuta per 74-78.

IL TABELLINO

Sigma Basket Barcellona-Upea Capo d’Orlando 74-78 (20-19,35-31, 56-48)

Sigma Basket Barcellona: Collins 14, Maresca 2, Young 14, Filloy 13, Fantoni 11; Pinton 6, Ganeto 9, Natali 3, Toppo 2, Iurato n.e. All.: Marco Calvani

Upea Capo d’Orlando: Mays 10, Portannese 13, Soragna 11, Archie 14, Nicevic 8; Laquintana 1, Basile 19, Valenti, Benevelli 2, Ciribeni n.e. All.: Gianmarco Pozzecco

Coach Calvani: «Abbiamo giocato per 40’, ma credo che questa sera sia arrivata veramente la conferma della forza di Capo d’Orlando. Avevano finito il terzo quarto con percentuali non loro per merito della nostra difesa, poi nell’ultimo quarto hanno tirato 6/8 da tre, con Soragna, Basile e Portannese che hanno messo 4 delle 5 triple prese. È ovvio che abbiamo le nostre colpe, ma fino a quel momento eravamo stati bravi a mettere in difficoltà l’Upea e rimanere concentrati sulla partita».

Coach Pozzecco: «Avevamo perso, qualsiasi altra squadra di pallacanestro nel mondo oggi avrebbe perso. Barcellona ha giocato una serie pazzesca, onore a coach Calvani e alla sua squadra. Poi volevo dire che sono nella pallacanestro da quando avevo 4 anni e non ho mai visto una cosa del genere: dieci uomini che hanno regalato una serata splendida a tutti, in primis ai 13.784 abitanti di Capo d’Orlando. Sono orgoglioso di dire che i miei hanno degli attributi pazzeschi. Penso che la gara di stasera sia stata qualcosa di unico. L’unica cosa che mi dispiace e che girino al mio amico Marco Calvani, come giravano a me due giorni fa».

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php