Live Sicilia

la festa rosanero

In trentamila al 'Barbera'
Cori e striscioni per la squadra


Articolo letto 1.811 volte
festa, iachini, lanciano, palermo, serie a, Sport, Palermo
I giocatori rosanero festeggiano la promozione in A

In un Renzo Barbera colorato di rosa e nero tutti i componenti della squadra a fine gara hanno fatto un giro di campo e festeggiato con i trentamila tifosi fra applausi e cori.


PALERMO - Nonostante il pari casalingo, è stata ugualmente una giornata di festa in casa rosanero. Poco in effetti importava il risultato anche se l’obiettivo resta quello del record di punti in classifica. Festa doveva essere e alla fine festa è stata. Tifosi rosanero già in movimento dalle 10 di questa mattina, con “processioni danzanti” verso lo stadio Barbera. Il clou intorno alle 13, quando i tifosi palermitani – oggi in 30 mila – hanno iniziato a varcare i cancelli dello stadio Barbera.

Uno stadio così colorato e festante non lo si vedeva da tempo, e oggi è stato davvero bello riassaporare il gusto rosanero. Prima del fischio d’inizio cori in favore della formazione palermitana e striscioni in curva Nord. Poi la partita, i canti, le bandiere, la gioia per il gol e perché no anche la delusione per una vittoria che era solo la ciliegina sulla torta di una giornata perfetta. Al termine del match, tifosi rimasti sugli spalti e altra festa, questa volta in campo.

Lo speaker Massimo Minutella ha scandito i nomi di ogni singolo giocatore rosanero e all’americana i “promossi” sono tornati sul rettangolo di gioco per abbracciare i tifosi sugli spalti. Al ritmo di “We Will Rock You” dei Queen, i calciatori rosanero hanno continuato la festa in campo. A seguire l festa palermitana c’erano anche i cinquanta sostenitori del Lanciano che storicamente hanno visto la loro “prima” al Barbera. Se ne sono andati prima del grande coro per Beppe Iachini che come ai tempi di quando macinava chilometri “ufficiali” in campo da calciatore, questa volta si è dilettato in un giro di campo per salutare e ringraziare i fans rosanero. “Ce ne andiamo in serie A” hanno cantato a lungo tifosi e calciatori, poi la corsa sotto la curva, con il giro di campo finale sotto le note dell’ inno di Alamia e Sperandeo. Tra i più scatenati come sempre Belotti, Sorrentino e Troianiello, autentici show man di spogliatoio. Iachini dal campo infine ha lanciato un messaggio a tutta la tifoseria: “La serie A è vostra, l’avete meritata”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php