Live Sicilia

Il mister a rischio

La sedia dell'esonerando
Toccherà pure a Mutti?


Articolo letto 405 volte

Mutti, palermo, Palermo, Sport
(rp) E così anche il buon Bortolo Mutti - uomo cortese e mister navigato - accomoderà le sue terga sulla sedia dell'esonerando. Il rito di solito si celebra in viale Del Fante, per contingenze superiori stavolta si terrà in quel di Novara. Chissà se faranno in tempo a spostare la sedia, o se anche uno sgabello piemontese potrà andare bene per lo scopo. La sedia dell'esonerando è uno strumento di tortura psicologico tutto palermitano, inventato da un friulano. Ti accoffi. E dici le solite cose che si dicono in questi casi: "Zamparini è vulcanico. Con lui c'è un rapporto schietto. Lui sa come la penso io. Io so come la pensa lui. Il calcio è così...". Ecco, arrivati alla formula "Il calcio è così", la sedia emette un impercettibile scricchiolio. L'allenatore pro tempore si guarda in giro con un certo sbigottimento. E nota, nelle pupille degli astanti, una luce di beffarda tenerezza.

I presenti, come di consuetudine nelle pubbliche esecuzioni, sono quasi tutti giornalisti e perciò sanno. Sanno che dal momento in cui le terga allenatoriali si accoffano sulla sedia dell'esonerando, ogni attimo sarà buono. La clessidra inizia la sua corsa. Ogni minuto sarà propizio. Ogni giorno sarà utile per trasformare l'esonerando in esonerato. Con Zampa - volere o volare - è così. E non valgono le lusinghe, gli ammiccamenti, le promesse di matrimonio. Anzi, portano sfiga. Se Zampa dichiara pubblicamente il suo amore per un tecnico, i giornalisti (sempre loro) sanno che è meglio preparare l'epitaffio, per non trovarsi scoperti. Amatissimi furono Guidolin, Rossi e Zenga. Amato fu Mangia. Amatissimo è Mutti che si appresta a sedersi nel posto più scomodo che c'è per uno che fa il suo mestiere. Forse, l'esiguità del contratto, gli eviterà una cocente delusione. Anoressico sollievo.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php