Live Sicilia

La finalissima

Rossi: "Vincerà il cuore caldo"
Miccoli: "Conosco il mio futuro"


Articolo letto 634 volte
VOTA
0/5
0 voti

coppa, inter, palermo, Sport
Ultimo allenamento, veloce lunch, poi Roma. Il Palermo è sbarcato nella capitale, la missione “Coppa” ha preso il via, il cuore inizia a battere più forte. In casa rosanero non si pensa ad altro, anche il vice Miccichè conta i secondi: “E' tutto molto bello e la città ci spinge verso questa finale che è motivo d'orgoglio per tutti quanti. Diventare principali attori di un grande eventi sportivo è una grande gioia per la squadra, la società, i tifosi, le città e la Regione intera – dice a radio Sportiva – possibilità vittoria? Io dico che il 50% di possibilità di vittoria ce l'abbiamo. Non c'è dubbio che l'Inter sia più forte sulla carta quindi loro dovranno fare la gara, ma noi con Pastore, Ilicic ed Hernandez siamo in grado di fare male a qualsiasi squadra. Noi a San Siro li abbiamo messi in difficoltà ed a fine primo tempo vincevamo per due a zero quindi questo precedente mi da molta fiducia. Domani sarà una partita che probabilmente verrà decisa da un episodio. Noi siamo pronti a combattere, siamo una buona squadra, abbiamo battuto il Milan due volte, abbiamo vinto a Torino, a Firenze quindi nelle grandi occasioni ci esaltiamo”.

Intanto le buone notizie per Rossi arrivano dall’infermeria: ok Balzaretti e Acquah. Entrambi saranno a disposizione per la gara di domani. Rossi ha solo qualche dubbio in avanti. In porta spazio a Sirigu; difesa a quattro con Balzaretti a sinistra, Cassani a destra, coppia centrale Goian-Munoz. In zona mediana Acquah, Nocerino e Migliaccio. In avanti spazio a Ilicic, Pastore ed Hernandez. Pinilla e Miccoli in panchina. Intanto a Roma è atteso anche il noto sceicco amico di Zamparini. I due questa sera ceneranno assieme, speriamo scocchi il colpo di fulmine anche con i colori rosanero. Passiamo all’Inter. Ranocchia è recuperato, domani sarà in campo. Ce la fa anche Snejder che supporterà le due punte Eto’o e Pazzini. Parla intanto il capitano Zanetti, uno che di finali ne ha giocate tante: “Per il Palermo è una finale storica ma lo è in un certo modo anche per noi: vogliamo chiudere questa stagione con il terzo trofeo. Domani sarà una partita insidiosa perché il Palermo è una squadra molto difficile da affrontare. Pastore? E' molto importante per loro, ma non è solo lui il Palermo, si tratta davvero di una squadra pericolosa da affrontare nel suo complesso. Servirà l'Inter vera, che non sbaglia questi appuntamenti”.

Rossi: "Noi ci crediamo"
"In questo momento gli interessi personali e le situazioni particolari lasciano il tempo che trovano, adesso conta solo la partita di domani, nella testa e nel cuore siamo concentrati solo sull'Inter, poi ci sarà modo e maniera per parlare del resto". Così Delio Rossi alla vigilia della finale di Coppa Italia, in programma domani all'Olimpico di Roma. Potrebbe essere la sua ultima gara sulla panchina rosanero, ma ci sarà tempo per pensarci. "Vogliamo fare qualcosa di importante per Palermo e per la sua gente, per ripagare i sacrifici che hanno fatto i nostri tifosi per arrivare fin qui - continua il tecnico delPalermo - Noi ci arriviamo con la consapevolezza che sono più forti di noi, fino a questa sera sono ancora i campioni d'Europa. Anche con il Milan eravamo inferiori poi abbiamo tirato fuori il coniglio dal cilindro, domani dobbiamo essere all'altezza della situazione, le persone che verranno domani non vengono per farsi una passeggiata a Roma ma per vederci giocare al massimo e noi daremo il 110%. Vincerà chi avrà cuore caldo e testa fredda. Sotto profilo mentale non ho lavorato, non serve in partite come queste, i ragazzi sanno che per loro è la partita della vita".

Miccoli: "So il mio futuro"
"Mai come quest'anno ero convinto che potessimo arrivare in finale. E' una partita talmente importante dove al di là di chi gioca è fondamentale stare uniti, conta il gruppo. Mi farebbe piacere giocare, è ovvio, ma quello  che mi auguro è alzare questa coppa da capitano." Fabrizio Miccoli carica il  Palermo in vista della finalissima di Coppa Italia. Le dichiarazioni più pepate arrivano subito dopo: "So già quale sarà il mio  futuro - annuncia il "Romario del Salento " - magari ne parlerò tra una decina  di giorni".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php