Live Sicilia

Calcio. Serie A. La 37esima giornata

I rosa rispettano il campionato
e mandano la Samp in B


Articolo letto 413 volte
VOTA
0/5
0 voti

calcio, palermo, Sampdoria, serie a, Sport, Sport
Bravo Palermo, hai onorato il calcio, hai rispettato i doveri dello Sport, e in un campionato in cui le squadre si strizzano l’occhio per portarsi a casa un punto, i rosanero vincono, mandano la Samp in B e danno un bell’aiuto al Lecce, ai leccesi e a Fabrizio Miccoli.

Bravo Palermo, perché hai dimostrato di essere una squadra valida, decisa, motivata sempre, e perché no, hai dato una lezione al calcio italiano. Che strano il calcio: l’anno scorso la Samp rubava la Champions al Palermo, oggi, la formazione di Rossi, si è in qualche modo vendicata, spedendo all’inferno i blucerchiati. Di Miccoli e Pinilla le reti che buttano al tappeto la banda di Cavasin. Forse per quello che si è visto in campo oggi, la Samp merita e come questa retrocessione; una squadra senza mordente, ricca di lacune e senza anima. Bravo Palermo, la vittoria di Marassi è un chiaro messaggio lanciato all’Inter. Andiamo alla cronaca.

Rossi pratica un mini turn-over, con Miccoli supportato da Ilicic e al fianco Hernandez. Torna Liverani a centrocampo. In porta va Benussi. Il primo squillo lo suona la Samp con l’ex Maccarone che supera Benussi in uscita ma poi da posizione defilata tira fuori. Il Palermo giochicchia, sbanda in avanti e subisce troppo la pressione dei blucerchiati. Al 30’ annullato un gol alla Doria per posizione irregolare di Pozzi, le immagini dicono che forse poteva essere convalidato. Al 41’ il primo sussulto del Palermo: cross di Nocerino per Miccoli che un po’ decentrato non riesce a inquadrare la porta. Al 44’ clamoroso autogol sfiorato da Gastaldello che per poco non fredda Da Costa. Il Palermo però va in rete al 46’: Miccoli conferma il suo amore per Lecce e i leccesi e gli regala un cadeau con un preciso rasoterra che butta già la Samp. 0-1. Ripresa. Al 5’ il pari Samp: campanile alzato verso la porta di Benussi e Biabiany segna di testa facendo la classica carica sul portiere. Mazzoleni convalida incredibilmente. Intanto escono Miccoli e Liverani per Pinilla e Bacinovic. Al 20’ Mazzoleni sorvola su un netto calcio di rigore per fallo su Hernandez. La partita è sonnacchiosa, con la Samp, inerme, che spera solo in un regalone da parte della banda di Rossi. Al 30’ sventola di Guberti, Benussi attento alza sopra la traversa.

Il Lecce intanto è avanti 2-0 a Bari, la Samp è a terra e Pinilla la manda all’inferno correggendo in rete un assist al bacio di Hernandez. Da segnalare una cavalcata straordinaria del cileno. Finisce con le lacrime blucerchiate e il Palermo che non esulta per rispetto dell’avversario. Anche qui, caro calcio italiano, è arrivata un’altra bella lezione di sport…

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php