Live Sicilia

Il personaggio

Ma chi è davvero Zamparini?


Articolo letto 654 volte

Barbera, zamparini, Palermo, Sport
Difetto di strabismo della presente rubrica che si è occupata solo di calciatori. C'è forse uno più personaggio del presidente di una squadra di calcio? Se il presidente è Zamparini allora non c'è storia: l'uomo alla ribalta sarà sempre lui. Chi è davvero Maurizio Zamparini? No, fermi, frenate il prurito delle dita, non picchiate sulla tastiera. Lo sappiamo come la pensate. Vi conosciamo. Alcuni di voi ritengono che Zamparini sia un intoccabile e derubricano ogni critica, anche la più serena, alla voce "attentato dinamitardo". Altri lo accusano in pianta stabile, ormai. Potrebbe camminare sulle acque e direbbero che non sa nuotare (non è mia, è di Berlusconi in altri contesti. Scusate).

Ma chi è davvero Maurizio Zamparini, allora? Cominciamo dall'esterno, dal mondo che lo circonda. E' una persona che gode dei favore della stampa locale, salvo qualche raro caso.  La stampa locale è generalmente simpatica col potente di turno. Zamparini ci mette i soldi, gode del consenso popolare, è un potentissimo. Oltretutto sa urlare con tonalità convincenti contro i giornalisti. Noi giornalisti siamo una razza pavida. Affondiamo il forcone nella carne del debole. Quando uno forte ci prende a male parole, sorridiamo, scuotiamo la testa, casomai mormoriamo: "Che vuoi farci? E' un tipo vulcanico". Ecco, l'aggettivo "vulcanico" è stato associato innumerevoli volte a Maurizio Zamparini. Perfino lui si è rotto le scatole dell'accostamento. "Vulcanico" è una qualifica che tende all'assoluzione. L'Etna è colpevole delle sue eruzioni, della sua lava e dei lapilli che sputacchia? No, dunque nemmeno Zamparini - specialmente dopo la partita - è padrone delle sue dichiarazioni.
A ben guardare, dalla voglia di soccorso all'offesa involontaria, il passo è breve. Il presidente del Palermo è un imprenditore di talento e di successo, un uomo solido. Pensare che non controlli le sue affermazioni significa diminuirne l'innegabile statura. In realtà, Zamparini dice solo quello che intende dire. Nessuno lo costringe. Eppure certi tifosi se la bevono. E incolpano i giornalisti che osano fare il loro mestiere. Volete un sicuro nemico del Palermo e della felicità? Siamo noi. I giornalisti.

Dunque, esaminando la casistica che coinvolge i rapporti tra Maurizio e il mondo, possiamo scrivere tranquillamente che il nostro se la passa di lusso. I giornalisti lo lasciano tranquillo. Certi tifosi lo criticano, d'accordo. Lui è sempre quello che ci mette i soldi, il potente di turno. La maggioranza starà immancabilmente al suo fianco. E ci staranno pure tanti tifosi sinceri che temono di perdere il Palermo in serie A, smarrendo la pecunia di "Zampa". Come ce ne sono tanti altri che criticano il patron, pur amando alla follia i colori rosanero. Ma allora chi è Maurizio Zamparini davvero? E chi può rispondere, non essendo nelle sue scarpe? La domanda era uno specchietto per le allodole. Un pretesto per parlare di noi.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php