Live Sicilia

Il dopo Milan, in vista del derby

Santo catenaccio rosanero?
Biscardi dice di no: "Grande cuore"


Articolo letto 413 volte
VOTA
0/5
0 voti

catenaccio, di natale, difesa, dorin goian, milan, palermo, sanchez, serse cosmi, Sport, Palermo, Sport
“Il Palermo ha battuto il Milan grazie al catenaccio”. Questa la sentenza di alcuni addetti ai lavori dopo il successo, ormai d’ordinaria amministrazione, dei rosanero sulla Milan. Quello di sabato scorso è stato un Palermo diverso rispetto a quello “Rossiano”. I rosa, più che allo spettacolo, hanno badato molto alla concretezza, riuscendo per la prima volta in stagione, a non correre seri rischi in difesa. Italia-catenaccio: un binomio che spesso veniva espresso, ma che nel passare degli anni è ormai uno sbiadito ricordo. Di catenaccio fu accusato Dino Zoff con la sua Italia (fu Berlusconi),  per certi versi anche Capello con la sua Juventus era spesso difensivista. “Non è un’offesa sapersi difendere – dice Aldo Biscardi a Live Sicilia – le grandi squadre devono prima non prenderle. Non si può criticare il Palermo per aver sofferto un po’ in difesa. I rosanero hanno giocato una grande partita, con tanto cuore e alla fine hanno vinto meritatamente. Ma quale catenaccio…”. Chiaro e conciso quindi il veterano giornalista che poi aggiunge: “Prima criticavamo il Palermo per i tanti gol presi e adesso che non ne prende alziamo polemiche?”. Se si considerano le occasioni nitide da rete, il Palermo ha comunque costruito molto, soprattutto nella ripresa, quando prima Darmian e poi Hernandez hanno sfiorato il gol del raddoppio.

“L’assetto mi è piaciuto molto – ha detto Guglielmo Miccichè a reterete24 -. La squadra ha attaccato e si è difesa molto bene. Il Milan ha avuto un gran possesso palla, ma è stato piuttosto sterile in avanti. Se contiamo le occasioni avute effettivamente dai rossoneri, possiamo vedere che sono state davvero poche, e inoltre le più pericolose sono arrivate con Gattuso e Flamini… Dobbiamo essere contenti della gestione della gara, però bisogna lavorare di più sulle ripartenze, perché se avessimo imitato l’Udinese di Di Natale e Sanchez, avremmo vinto 3-0. Ci siamo difese bene, ma negli ultimi 30 metri siamo stati un po’ confusionari”. Intanto oggi la squadra riprende la preparazione in attesa del derby del Massimino del 3 aprile. Mancheranno all’appello di Cosmi ben undici giocatori, ossia tutti quelli impegnati con le rispettive nazionali. Ieri si è aggiunto anche il rumeno Dorin Goian, convocato per le gare che la Romania giocherà contro la Bosnia e il Lussemburgo.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php