Live Sicilia

Parla Liverani

Con Rossi "un fallimento tecnico"


Articolo letto 467 volte
VOTA
0/5
0 voti

cosmi, Liverani, palermo, Palermo, Sport
La rivoluzione “Cosmica” è in corso. Tante le novità che il neo tecnico rosanero porterà in casa Palermo: innanzitutto la difesa sarà a tre, con l’arretramento di Migliaccio in difesa assieme a Munoz e Bovo. In avanti c’è un vero e proprio ballottaggio tra Hernandez e Pinilla, a centrocampo invece ci sarà il redivivo Fabio Liverani, che questa mattina ha parlato ai giornalisti presenti alla Borghesiana di Roma.

Cosmi? L'ho ritrovato con una grande carica, con la volontà di giocarsi questa grande chance in una situazione di classifica importante. Rossi? Io ho cercato di essere sempre a disposizione di Rossi perché ho grossissima stima di lui, dato che l'ho avuto anche un anno a Roma. Credo che la mia esclusione non fosse solo tecnica”. In conferenza si parla anche della mancata rescissione: “La società mi ha detto di volere propormi la rescissione del contratto a fine gennaio, ma non era facile trovare una squadra a quel punto, così con Rossi avevamo concordato che sarei rientrato a disposizione del gruppo fin da subito. 7-0? Quando c'è un cambio di allenatore vuol dire che c'è stato un fallimento da parte di tutti. Quando una squadra perde in casa 7-0 bisogna porsi delle domande: allenatore, squadra e società, così come è giusto che i meriti vengono divisi. Il fallimento è tecnico, comunque. Obiettivi? Questa non è una squadra in grado di avere degli obiettivi, e quindi deve giocare domenica dopo domenica. Abbiamo la giusta posizione in classifica, forse ci mancano 3-4 punti. Per i primi 4 posti ci sono squadre superiore alla nostra, quindi noi dobbiamo giocare per conquistare la qualificazione in Europa League. Dopo aver lottato lo scorso anno per la Champions, molti credevano che sarebbe stato facile migliorarsi, ma il calcio spesso ti fa fare un passo indietro. Il mio futuro? Non credo di poter dire che concluderò la carriera al Palermo. L'idea della società è quella di puntare sui giovani quindi a giugno non credo che ci sarà più spazio per me. Da qui alla fine sono un giocatore a disposizione del Palermo al 100 per cento e mi impegnerò, se sarò chiamato in causa, a dare una mano alla squadra”.

Infine una battuta sulla prossima gara contro la Lazio: “Dobbiamo dare continuità alla nostra stagione e fare bene a Roma contro la Lazio. Significherebbe restare in corsa per l'Europa League. Sono sicuro che la squadra darà una prova di orgoglio, ma mi auguro che questo orgoglio possa essere profuso fino al termine della stagione. Mi auguro anche che tutti diano il massimo per l'obiettivo comune, senza cercare le individualità”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php