Live Sicilia

Parla il mister rosanero

"Palermo è come il Real Madrid"


Articolo letto 525 volte

delio rossi, maurizio zamparini, walter sabatini, Sport
Già ci mancava. A distanza di qualche giorno dalla sua ultima conferenza stampa (sabato scorso nel pre match di Bergamo, ndr) Delio Rossi torna a farsi vedere, e lo ha fatto questa sera, sfruttando il palcoscenico di “Solo Calcio”, trasmissione in onda su Sportitalia. Qualche battuta iniziale, e poi subito in campo: “Sono un grande lavoratore, uno che non si stanca mai e che non stacca mai la spina. Allenare una big? Ognuno ha quello che si merita, non sono uno che buca il video, credo tanto nel lavoro, e poi sto allenando squadre importanti. Ho allenato la Lazio, adesso il Palermo, per me è come essere al Real Madrid”. Frase quasi strappalacrime, che cementa il rapporto tra lui e i tifosi rosanero, qualora ce ne fosse bisogno. Rossi è in forma, pimpante, in poche parole, in vacanza. “Solo il tempo dirà quello che la squadra è riuscita a fare. Adesso c’è un pizzico di rammarico ma ricordiamo che siamo partiti quattordicesimi e che abbiamo sfiorato un sogno che prima non era neppure ipotizzabile. Sono soddisfatto per il modo in cui abbiamo interpretato il campionato - ha aggiunto - abbiamo giocato con tutti esprimendo un bel gioco da un punto di vista estetico e con un atteggiamento mai speculativo. I tifosi devono essere orgogliosi di questa squadra”. Si parla di talenti, di campioni, e la domanda nasce spontanea, ma Pastore lo è già o lo diventerà?. “Pastore ha tutte le caratteristiche per diventare un giocatore di livello assoluto. Ricordiamoci però che ha soli 20 anni e ricopre un ruolo particolare che si matura solo giocando in Europa perché in Argentina dalla trequarti in su i giocatori sono cosiddetti ’volanti’ e fanno un po’ come capita. E’ molto intelligente ed è orgoglioso. Dio gli ha dato un grande talento e se mangerà tanto ’pane duro’ potrà diventare un giocatore di grandissimo livello”. Infine una provocazione sulla sua permanenza in rosanero, Rossi risponde così: “Io ho un contratto con un’opzione e adesso, dopo aver parlato con il direttore sportivo, devo incontrarmi con il presidente per fare il punto della situazione e capire come procedere per il futuro”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php