Live Sicilia

Il direttore che ha fatto il Palermo

La rivincita di Walter Sabatini,
l'uomo che vive di parole e sigarette


Articolo letto 3.295 volte
VOTA
0/5
0 voti

palermo, walter sabatini, Sport
 Walter Sabatini è un uomo felicemente tormentato. In parte per scelta. Legge molti libri e gli piace l'aura letteraria dell'eroe romantico, avvolto in una veste scura, su uno scoglio in tempesta. In parte è rovello vero, disagio sincero,  di un uomo che sente molto le cose e le persone che transitano lungo il viale della sua vita. Contro questa ipersensibilità Walter Sabatini ha eretto un muro difensivo cementato dalle sigarette, dallo sguardo d'acciaio, dal ghigno da pistolero e dalla parlata scintillante e veloce che spesso ricorre, con efficacissima arte figuativa, ai nomignoli che servono per descrivere gli organi principi della mascolinità.

E si arrabbia, Walter Sabatini. Essendo un libero pensatore ha il massimo rispetto della libera stampa. Ma se intravvede malizia (a torto o a ragione) in quello che scrivi, ti appende col tuo corpo di carta e col tuo articolo nella sua bacheca. E nessuno ti schioderà mai più.

Perché Walter Sabatini patisce una tortura segreta? Tiriamo a indovinare: forse perché è un uomo di profondità che ama leggere e respirare parole profonde. E tutti gli uomini di profondità hanno dentro un naturale antidoto alla gioia. Un interruttore che stacca la corrente, quando la felicità sprizza troppo. E poi ci sono tristi presagi. Uno su tutti, la morte di Renato Curi, suo compagno al Perugia. In una intervista che chi scrive ricorda con molta affettuosa partecipazione, il direttore confessò: "Curi prima di entrare in campò mi regalò un ciondolo d'oro, il suo portafortuna. Mi disse: tu ne hai più bisogno di me. E quella domenica morì".

No, non sempre è facile avere a che fare con uomini come Sabatini. Possono sbranarti o abbracciarti, dipende dalla luna e da come gli gira. Ma puoi contare sulla loro lealtà, sul principio che quando fanno un lavoro lo portano a termine, sulla loro passione e sui sensi di colpa che spingono a tirare la carretta, con l'ostinazione dei muli,  sotto la bufera. Walter Sabatini ha messo su un Palermo da Champions. All'inizio della stragione in tanti, tra cronisti e opinionisti,  gli hanno dato addosso. Ora che potrebbe prendersi la sua rivincita, il fumatore sta assiso nell'ombra. Ma ciò non ci impedisce di ringraziarlo e di chiedergli scusa per quell'ingeneroso scetticismo.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php