Live Sicilia

Il tramonto della bandiera

Giovanni Tedesco lascia
Si occuperà di giovani


Articolo letto 714 volte
VOTA
0/5
0 voti

, Sport
La notizia d'agenzia è questa: Giovanni Tedesco al termine della stagione appenderà le scarpette al chiodo ma indosserà giacca e cravatta (non ce lo vediamo proprio, ndr). Per il centrocampista rosanero è infatti pronto un incarico da dirigente, Tedesco curerà il settore giovanile del club di Viale del Fante. Punto.

Chi è Giovanni Tedesco? Un uomo buono, pensiamo. Altrimenti è il più grande impostore di tutti i tempi. I giocatori del Palermo sono tutti ragazzi buoni. Il tanto vituperato Simplicio è una persona dolcissima. Cavani crede in Dio e quando fa la spesa nei supermercati abbraccia i ragazzi di colore che vorrebbero portargli la spesa. Liverani ha esperienza e intelligenza. Migliaccio è un cuore d'oro. Carrozzieri è un pezzo di pane. Miccoli ha l'innocenza talvolta dispettosa di un bambino... E si potrebbe continuare. Ma Giovanni Tedesco rimane impresso nel cuore un po' di più. Chi è Giovanni Tedesco? E' uno che regala tute rosanero a chi non può comprarsele e le paga di tasca sua. E' uno che va spesso a visitare i carcerati.  E' uno che, nonostante una statura non eccelsa, va a saltare con tutti, a caccia del pallone. E salta pure, quando dall'altra parte c'è Sissoko. E' uno che, quando piange, non lo dimentichi più. Palermo-Catania. Quattro schiaffi. E un lungo singhiozzo appena fuori dal campo. Ma è uno che ha sempre combattuto per tornare a sorridere. Ed è accaduto mille volte. E' uno che gli devi volere bene. Per forza.

A fine stagione Giovannino appenderà le scarpette al chiodo e si occuperà di giovani, a quanto si apprende. La notizia ci porta dalla malinconia alla felicità. Non può esserci collocazione migliore. Noi auspichiamo un risultato minimo: vorremmo che nascesse un Giovannino ogni dieci anni. Lui ce la metterà tutta, ne siamo sicuri. Insegnerà ai ragazzi quanto è bello, terribile e profondo l'odore dell'erba del campo. Gli insegnerà che quando il pallone e il destino schizzano in cielo, devi andare a prenderli. Anche se dall'altra parte c'è Sissoko.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php