Live Sicilia

Il ds del Palermo su livesicilia

Sabatini fuma e vede rosa:
"Adesso ci divertiamo"


Articolo letto 246 volte
VOTA
0/5
0 voti

palermo, rosanero, walter sabatini, Sport
Il libro dal titolo “Imprese rosanero” si arricchisce di un nuovo capitolo, in stampa precisamente dalle 16,52 del 13 dicembre. Una nuova impresa, una nuova fatica, una nuova gioia, il Palermo esorcizza il Diavolo, lo batte a casa sua e se ne va fischiettando e gioendo, come se quello che avesse fatto rientra tutto nella norma, o nella normalità. Ore 16.52, San Siro, fischio finale dell’arbitro Bergonzi, ufficiale: il Palermo torna a vincere a Milano contro il Milan. Braccia alzate per tutti, Miccoli e compagni vanno sotto lo spicchio di curva rosanero e gioiscono assieme ai proprio aficionados, Delio Rossi continua a masticare chewing-gum, Zamparini a Vergiate avrà magari stappato una bella bottiglia di “Blanc de Noirs”, Sabatini invece ha acceso l’ennesima Marlboro rossa. “Proprio così – ammette a livesicilia il ds rosanero – ho fumato molto, ma come sempre del resto. È stata una notte agitata, per via dell’adrenalina che non ho smaltito del tutto. Sono molto soddisfatto e contento perché vedo la squadra migliorare di partita in partita, l’impatto di Rossi è stato straordinario, il gioco espresso contro il Milan è stato sublime, se riusciremo a preservare questo stato di grazia, faremo un percorso straordinario, giochiamo bene, vinciamo, meglio di così non può andare per adesso. Non ci poniamo obiettivi però, dobbiamo solo continuare così, e poi ci divertiremo”. Sabatini tiene a precisare che quella raggiunta a San Siro è stata la vittoria del collettivo, del gruppo: “Tutti noi siamo interpreti di questo successo, tengo a dire che anche il segretario Roberto Felicori è protagonista quanto Delio Rossi. Se infatti non avesse impostato così bene il ricorso sulla squalifica di Miccoli, Fabrizio non sarebbe sceso in campo, e poi abbiamo visto come è andata, quindi il merito è di tutti”. Il ds rosanero è raggiante, e spera di sovvertire il giudizio di alcuni organi di informazione che hanno assegnato voti non troppo brillanti agli “eroi” di Milano: “A volte la stampa nazionale racconta in maniera dettagliata le sconfitte delle big e non esalta le imprese degli avversari, ormai ci conviviamo. Ma spero di poter cambiare questo trend”. Sabatini e Rossi, alla Lazio hanno fatto grandi cose, un binomio che anche a Palermo sta dando i primi frutti: “Rossi è un ottimo allenatore ma anche un grande uomo. E’ stato intelligente e bravo  non buttare il lavoro di Ballardini e Zenga e ha costruire da quelle basi. Contro i rossoneri ho visto movimenti offensivi e difensivi eccezionali”. Infine il ds apre il capitolo Bresciano e Simplicio: “Loro due sono lo specchio della serietà e della professionalità, ieri hanno giocato una grande partita. Sono nostri tesserati e spero che continuano ad esserlo. Sono molto felice se restassero, ma se decidessero di andare via, noi accetteremmo la loro decisione, e cercheremmo delle alternative”.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php