Live Sicilia

Campionato Primavera

Tempo di derby per i giovani rosanero
Oggi in campo contro il Catania


Articolo letto 764 volte
VOTA
0/5
0 voti

calcio, Catania, primavera, rosanero, Sport, Sport

Dopo la vittoria in surplace con il Gallipoli (3-0), la Primavera del Palermo tenta oggi l’assalto al Catania (alle 14 al campo S. Gaetano di Belpasso), in un derby che si preannuncia a dir poco scoppiettante. La sconfitta della Roma contro la Reggina (1-0) ha ridotto a due punti il distacco dalla capolista, lanciando di fatto i baby-rosa nella volata per il primo posto nel girone C. Per continuare il trend positivo, però, stamane la Primavera è chiamata ad una prova di forza.

Gli etnei, infatti, attraversano un ottimo stato di salute e non sono disposti a fare da sparring partner ai rosanero. Lo sa bene Pergolizzi, che già nella gara contro il Gallipoli ha testato la concentrazione e la disponibilità al sacrificio dei suoi uomini: emblematico l’esempio di Mbakogu, richiamato anzitempo negli spogliatoi dal mister rosanero. Il ragazzo non ha gradito la sostituzione al 39’ del primo tempo ed ha abbandonato il campo senza passare dalla panchina. Nessun caso, ma presumibilmente solo un segnale che l’allenatore ha voluto lanciare al nigeriano in vista del derby. Come dire: bisogna stare sempre sulla corda e non rilassarsi mai.

Contro il Catania non ci sarà Guido Davì, pilastro del centrocampo di Pergolizzi. Il mediano era in diffida e l’ammonizione rimediata con il Gallipoli ha fatto scattare la squalifica. Un’assenza pesante, considerato il peso specifico che solitamente garantisce il numero 4 rosanero. Mancherà un elemento che corre e lotta come un forsennato per tutti i 90 minuti. Uno di qui giocatori che fa il cosiddetto lavoro sporco, senza risparmiarsi mai.

Tuttavia, se Pergolizzi avrà un elemento in meno nella fase di rottura del gioco, di certo potrà contare su qualità in abbondanza. Su tutti spicca Dario Maltese, classe ’92, candidato ad un posto da titolare nel derby. Le ultime convincenti prestazioni, culminate con il gol beffardo su punizione realizzato al Gallipoli, inducono a pensare che Pergolizzi possa affidare il ruolo di esterno sinistro (con licenza di operare da fantasista) all’ex giocatore della Fincantieri. A correre e “sbracciarsi” invece ci penserà Corsino che, dopo lo stop forzato, ha messo in mostra nuovamente le sue doti di combattente. Nelle vesti di centravanti agirà, neanche a dirlo, Giovio che continua a “timbrare il cartellino” con una facilità estrema. L’auspicio è che oggi Giovio si ripeta, ma va bene pure un autogol.

© Riproduzione riservata


/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php