Live Sicilia

Zoom sugli avversari

Bari, gruppo senza vip


Articolo letto 375 volte
VOTA
0/5
0 voti

, Sport
L´organizzazione di gioco, la disciplina tattica, la prudenza e la furbizia. Su questi ingredienti punterà il Bari per provare a sorprendere il Palermo, dopo aver rischiato di "sbancare" San Siro e aver aggiunto un altro punticino nel match interno contro il Bologna. Così, mister Ventura, che in passato ha spesso preferito uno schema con difesa "a tre" e centrocampo folto, quest´anno ha virato verso il più lineare 4-4-2. Uno schema pronto a trasformarsi anche in un 4-5-1 in fase difensiva, grazie alla duttilità di Kutuzov. Suo l´unico gol segnato finora dai pugliesi, a Milano, quando il bielorusso ha affiancato Sforzini (che sarà indisponibile, per lui un mese di stop). Nel secondo match, invece, in attacco schierato Meggiorini, che sarà quasi certamente la punta dei pugliesi nella sfida del Barbera. Gli unici dubbi sono legati al recupero di Barreto. Ma il giocatore dovrebbe, al massimo, partire dalla panchina. Qualche dubbio anche a centrocampo, dove quasi certamente Ventura non potrà disporre dei due nuovi centrali: Donati e Almiron. Probabile, quindi, l´utilizzo di Gazzi e dell´ex rosanero De Vezze. Ai lati, infortunatosi Alvarez, a destra giocherà Rivas, mentre Allegretti e Langella si contenderanno il posto sulla fascia opposta. Ciò che finora ha funzionato, però, è stata, sorprendentemente, la difesa. Davanti a Gillet il centrale Ranocchia è confermato, dopo l'ottima prestazione con l'Under 21, mentre Bonucci, fermato da un inforunio, verrà sostituito dal nuovo acquisto Diamoutene. Sulle fasce, ecco Andrea Masiello a destra (Salvatore Masiello, che col Palermo vanta anche due presenza in coppa Uefa, partirà dalla panchina) e Alessandro Parisi a sinistra. Palermitano di nascita e una sola presenza con la maglia rosanero, in serie B, nella lontana stagione 1995/96. Per lui sarà un ritorno a casa.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php