Live Sicilia

Il personaggio rosanero

Ghiacciolo all'arancia "u sapuri ri gol"


Articolo letto 1.371 volte
VOTA
0/5
0 voti

calcio, campionato, ghiacciolo arancia, palermo, serie a, Sport
Ogni domenica allo stadio, da cinquant'anni a questa parte, si giocano sempre due partite. Una sul campo, e un'altra sulle gradinate. Se la prima sfida però è sotto gli occhi degli spettatori, la seconda, invece, ha il suo "campo di battaglia" più che altro sulla loro lingua: è l'eterna competizione tra la squadra dei "ghiacciuoli" (ghiaccioli) e quella dei "cuinnieitti" (cornetti). Uno scontro avvincente che, in tutta onestà, si conclude sempre ad appannaggio dei primi. Ed è proprio di questi che vogliamo parlare.
Il ghiacciolo all'arancia, "u sapuri ri gol", come recita l'azzeccatissima espressione coniata dal duo Alamia e Sperandeo in uno storico inno del Palermo, è divenuto ormai il fedele compagno di viaggio del tifoso rosanero.
Quella dolce tavoletta di ghiaccio colorato ha saputo dare un senso a tante anonime domeniche di serie C; sottolineato l'entusiasmo per gol strepitosi come il delizioso pallonetto di Lamberto Zauli in un Palermo-Napoli di alcuni anni fa; addolcito le bocche dopo gli insulti a Caracciolo; reso meno amare sconfitte casalinghe come quella patita alcune settimane fa nel derby.
Il polaretto arancione ci ha presi e accompagnati per mano, pardon per lingua, la sera della promozione in serie A, sugellando poi con il tipico sapore di Sicilia i successi ottenuti dai rosa su squadre come Milan e Juventus. Grazie a lui lo stadio è un universo a parte. Senza tempo. Senza clima e senza stagione. E' il "magico" ghiacciolo all'arancia, infatti, l'unico in grado di regalare scampoli d'estate in pieno inverno, e rinfrescare i palati nelle torride domeniche di giugno. Quel bastoncino di legno dimenticato tra le labbra a metà del secondo tempo, tormentato da morsetti nervosi per un'azione sfumata o un rigore negato è, insieme a sciarpa, berretto e bandierone, il simbolo di un tifo che attraversa trasversalmente i gusti del pubblico palermitano.
Insomma, la storia del Palermo, forse, è anche un po' la storia del ghiacciolo all'arancia, e poco importa se con l'equivalente in lire di quanto ne costa uno oggi  (un euro), dieci anni fa se ne potevano acquistare per tutta la famiglia, "u sapuri ri gol" è un investimento che il tifoso rosanero farà sempre ben volentieri.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php