Live Sicilia

Il personaggio rosanero

Kjaer, il cigno che non fu
un comune brutto anatroccolo


Articolo letto 402 volte
VOTA
0/5
0 voti

biografia, calcio, kjaer, palermo, personagggio, rosanero, Sport
Un giorno, quando lo vedremo con la maglia di una grandissima squadra vittoriosa, ricorderemo con una lacrimuccia che Simon Kjaer era dei nostri. Sì, uno di noi. Un ragazzino biondo e imberbe protetto da un gigante buono che ha un nome che ricorda un certo tipo di mestiere palermitano da officina e olio di gomito. E ricorderemo che in fondo quella parvenza di fragilità era l'astuzia più sublime del biondino. Far credere all'avversario di avere davanti un imbelle ronzino da prateria verde e poi svelare, con un rimbalzo di magia, la consistenza di una purissima classe che atterrisce e sfolgora. Non è Moris Carrozzieri a proteggere Simon Kjaer con la sua clava generosa di onesto centrale. E' Simon ad allargare le sue bianchissime ali di cigno, al netto di qualche sbadataggine che l'anagrafe comprende e giustifica. Simon è nato cigno. Non ha dovuto affrontare la burocratica trafila del riscatto di coloro che nascono brutti anatroccoli e si ingegnano e impegnano perfino gli occhi per acquistare il costume da maestoso volatile. Lui ha avuto indosso le sacre piume da sempre. Il suo destino è iscritto nel destino di un grande club. Perciò, non illudiamoci, questione di tempo. Un giorno non lontano, il cigno Simon volerà via. Intanto, godiamocelo.

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php