Live Sicilia

Auteri lascia la guida del Siracusa:
"Non c'è sintonia con la società"


Articolo letto 542 volte

Gaetano Auteri, allenatore del Siracusa - squadra che milita nel girone I della serie D - ha lasciato l'incarico per aspri contrasti con la società. Il tecnico consegna al suo successore una squadra prima in classifica con 14 punti sulla seconda. Ma è giallo. La società ha respinto le sue dimissioni e lo ha costretto a tenere la conferenza stampa fuori dalo stadio

VOTA
0/5
0 voti

allenatore, auteri, calcio, dimissioni, esonaero, gaetano, serie d, siracusa, Sport
Primo in classifica con una squadra schiacciasassi che a undici partite dal termine del campionato guida la classifica della serie D con 14 lunghezze di distacco dalle seconde. Un ruolino di marcia impressionante che farebbe dormire sonni tranquilli a presidenti, tecnici e tifoserie di tutto il mondo. Tranne che a Siracusa, però, dove il tecnico Gaetano Auteri, principale artefice della marcia trionfale della sua squadra nel campionato di serie D, ha deciso di mollare tutto con l'annuncio choc delle dimissioni irrevocabili. Un episodio che ha pochi, ma illustri precedenti, e che ai più ha ricordato la dichiarazione d'addio di Roberto Mancini alla panchina dell'Inter dopo l'eliminazione in Champions ad opera del Liverpool, proprio nel momento in cui i nerazzurri guidavano la classifica di serie A con una decina di punti di vantaggio sugli inseguitori.

"Non condivido più le scelte della società - ha detto l'ex giocatore del Palermo che sfiorò la B nella stagione '89-90 in una conferenza stampa convocata per stamattina -. Non mi sento in sintonia con la programmazione del gruppo dirigente del Siracusa. E' una decisione che non nasce all'improvviso ma che ho valutato con ponderazione in questi ultimi due mesi, quando sono maturate in me le prime avvisaglie delle divergenze che nascevano con la società". Poche parole, senza scendere mai in profondità, da parte di Auteri, che oggi ha ribadito l'ufficialità delle sue dimissioni da allenatore del Siracusa escludendo l'eventualità di tornare sui suoi passi, anche se in un comunicato pubblicato sul sito del club aretuseo, la società fa sapere di aver respinto le dimissioni.

"Non pretendo che mi si dia ragione, nè può passare il messaggio che desidero sentirmi coccolato dalla società - ha spiegato Auteri -, perchè così non è. Quando non c'è condivisione fra due parti non significa che ci sia contrasto". Il Siracusa guida il girone I di Serie D con 60 punti, 14 in piu' del Sapri e della Vico Equense. Dati che lo stesso Auteri non ha tralasciato di sottolineare durante l'incontro con la stampa per spiegare le ragioni del suo commiato. "La promozione, di fatto acquisita, ha facilitato la mia decisione. Questa squadra è quadrata e compatta, non subirà contraccolpi. Rimangono sei gare in casa e cinque in trasferta, chi arriverà al mio posto dovrà stare attento solo a raccogliere le briciole: la certezza matematica della promozione è solo questione di giornate". Auteri ha tenuto la sua conferenza stampa in piazza Cuella, fuori dallo stadio "De Simone", perchè la sala stampa dell'impianto è rimasta chiusa. Ma non ha voluto alimentare polemiche per questo aspetto: "Non credo sia un segnale da parte della società. Non è il caso di ingigantire queste cose".

/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php