Live Sicilia

Basket, eurocup women

I love Sicilia Ribera - Tarbes GB 64-65
Seconda sconfitta per le siciliane


Articolo letto 483 volte
VOTA
0/5
0 voti

eurocup women, Hesters, i love sicilia ribera, Roceanu, sconfitta, tarbes, Sport


I love Sicilia Ribera: Falauto n.e., Colico 5, Creamer 14, Romagnoli, Riccardi 9, Montagnino 9, Chones 21, Moody 6, Perfetti, Page.  All. Anselmo.

Tarbes GB: Ndiaye 11, Wright 9, Eldebrink 12, Bovykina 2, Arrendo 3, Arfelis n.e., Castets 5, Moeggenberg 6, Yacoubou-Dehoui 11, Tzekova 6.  All. Gomez.  

Arbitri: Roceanu (Romania) e Hesters (Belgio).

Note: PARZIALI: 10-17, 24-36, 43-49. TL: Ribera (18/24), Tarbes GB (14/25); da 2: Ribera (14/29), Tarbes GB (21/41); da 3: Ribera (6/15), Tarbes GB (3/13). Usciti per 5 falli: nessuno.

Non sono bastati tanto orgoglio e una determinazione da applausi. Nella 3° giornata di andata della fase a gironi della Eurocup Women, al PalaTornambè l’I love Sicilia Ribera si è arreso alle francesi del Tarbes (64-65) a margine di una gara ricca di emozioni e in bilico fino ai secondi finali.
Benissimo le francesi fino agli ultimi minuti della terza frazione; spinte dall’orgoglio le riberesi da lì in poi, brave a riaprire la gara, a  risalire dal -12 (37-49) del 28’ e rimettere tutto in gioco. Da sottolineare la prestazione di Chones (21 punti e 14 rimbalzi) nell’I love Sicilia Ribera, in doppia cifra assieme a Creamer (14 punti).  
Francesi subito attente e precise in attacco nei primi 3’ (3-6), con Yacoubou-Dehoui – leader del Tarbes – già trascinatrice e quasi insuperabile dentro l’area piccola. Ribera, di contro, prova subito a ricucire affidandosi ai tentativi dal perimetro, ma il vantaggio ospite resiste (al 6’ è 8-11). Al 7’ il Tarbes prova a costruire la fuga (8-15) grazie ai punti di Ndiaye e Moeggenberg, una fuga tradotta in un vantaggio che alla fine del primo quarto non va oltre il +7 (10-17).
Nei primi 2’ del secondo quarto le padrone di casa provano ad aumentare l’intensità e grazie alla tripla di Riccardi e ai due punti da sotto di Chones accorciano sul -2 (17-19). Il Tarbes risponde con la tripla di Arrendo (17-22), mentre al 16’ con quella di Tzekova (17-26) dopo il tiro libero di  Yacoubou-Dehoui. A quel punto le padrone di casa iniziano a digiunare in attacco e pian piano scivolano dentro un passivo sempre più consistente (al 18’ è 20-31), fino al 24-36 dell’intervallo lungo.
Dopo la pausa Ribera inizia a tirare fuori l’orgoglio e in 2’ si porta sul 29-36 con i due punti di Moody e la tripla di Creamer. Il -7 resiste fino al 27’, fino a quando i quattro punti messi dentro in successione da Wright spingono il Tarbes sul 35-46. Al 28’ Chones va sulla lunetta e realizza i due tiri liberi dl 37-46, la replica di Tzekova, però, non si fa attendere: gioco da tre punti ed è 37-49. Ribera però non è ancora doma: al 29’ le riberesi si rifanno sotto con Riccardi che prima realizza il 40-49 e poi dal perimetro il 43-49 con il quale si chiude la terza frazione.  
Dopo aver riaperto la gara l’I love Sicilia Ribera ci crede, nei primi 2’ dell’ultimo quarto riesce a stoppare i tentativi d’attacco delle francesi (47-53) e al 33’ con Moody (2/3 dalla lunetta) si porta sul -4 (49-53). Al 35’ Chones va sulla lunetta, fa 2/2 ed è 51-53; pronta la risposta di Yacoubou-Dehoui ed è 51-55. A quel punto l’equilibrio diventa sempre più consistente e dentro un clima agonistico di fuoco Ribera trova la parità al 36’ con Chones che da sotto firma il 55-55. Da lì in poi iniziano a dominare anche i tiri dalla lunetta, causa: bonus di falli raggiunto da entrambe le squadre. Al 38’ Tarbes nuovamente avanti prima sul 57-58 e poi sul 57-60. Al 39’ Ndiaye va sulla lunetta, fa 1/2 ed è 57-61, mentre a 50” tocca a Creamer: fa 2/3 per il 59-61. Subito dopo è il turno di Moeggenberg (59-63), poi segue l’errore dal perimetro di Moody. A 13” sulla lunetta va Montagnino che mette dentro entrambi i tiri liberi (61-63), poi fallo su Eldebrink, anche lei fa 2/2 ed è 61-65. A 1” tripla di Montagnino che dai 6,25 firma il 64-65. Tutto molto bello, però non c’è più tempo: vince il Tarbes.        

di Giuseppe Maria Sgrò


/web/virtualhosts/sport.livesicilia.it/www/upload/assets/xml/1324,3,sotto-articolo.php